Israele ha proposto un nuovo accordo di cessate il fuoco “globale”, afferma Joe Biden

Israele ha proposto un nuovo accordo di cessate il fuoco “globale”, afferma Joe Biden

“È ora di porre fine a questa guerra”: venerdì Joe Biden ha invitato Hamas ad accettare il piano in tre fasi proposto da Israele per porre fine alla guerra a Gaza, basato inizialmente su un cessate il fuoco temporaneo, accompagnato dal rilascio dei prigionieri. Ostaggi.

• Leggi anche: La Slovenia voterà a favore del riconoscimento dello Stato di Palestina

• Leggi anche: Gaza: Hamas chiede la fine dei bombardamenti prima di un “accordo di scambio globale”

In un discorso pronunciato dalla Casa Bianca, il presidente americano ha considerato che questa road map, che secondo lui è stata presentata al movimento palestinese di Hamas attraverso il Qatar, è un’opportunità da non “perdere”.

La prima fase sarà un cessate il fuoco completo, con il ritiro delle forze israeliane dalle “aree popolate di Gaza” per un periodo di sei settimane.

La fine dei combattimenti, sempre secondo l’81enne democratico, sarà accompagnata dalla liberazione di alcuni ostaggi israeliani, soprattutto donne e malati, e dalla liberazione dei prigionieri palestinesi.

Joe Biden ha aggiunto che il cessate il fuoco temporaneo potrebbe diventare “permanente” se il movimento palestinese “rispetta i suoi impegni”, invitando Hamas ad “accettare” l’accordo proposto.

La fase successiva del piano prevede il rilascio di tutti gli ostaggi ancora detenuti a Gaza.

Ha invitato il governo israeliano a resistere alle “pressioni” dei sostenitori del conflitto “infinito”.

A lungo termine, il presidente degli Stati Uniti ha parlato di normalizzare le relazioni di Israele con l’Arabia Saudita e di includerla in una “rete di sicurezza regionale”.

Ha parlato anche di un importante programma di ricostruzione a Gaza, dove i civili oggi vivono, ha detto, “l’inferno”, così come del diritto dei palestinesi all’“autodeterminazione”.

READ  L'esercito iraniano "a terra in Crimea" per aiutare la Russia

“Un momento decisivo”

Joe Biden, che non ha ancora delineato una tabella di marcia così completa, ma ha parlato di un “momento decisivo” e si è reso conto che “niente era semplice”.

Giovedì Hamas ha annunciato di essere pronto a raggiungere una tregua nella Striscia di Gaza, compreso un “accordo globale per lo scambio” di prigionieri, ma a condizione che Israele interrompa i bombardamenti.

Israele ha promesso di “distruggere” il movimento palestinese che detiene il potere a Gaza dal 2007 e che gli Stati Uniti e l’Unione Europea considerano un’organizzazione terroristica, dopo l’attacco compiuto il 7 ottobre da commando affiliati al Movimento Islamico infiltratisi da Gaza nel sud di Israele. .

Secondo un conteggio condotto dall’Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani, sono state uccise lì più di 1.189 persone, la maggior parte delle quali civili. Secondo l’esercito, delle 252 persone prese in ostaggio durante l’attacco, 121 sono ancora detenute a Gaza, di cui 37 morte.

In risposta, l’esercito ha assediato la Striscia di Gaza e ha lanciato una campagna di bombardamenti aerei, terrestri e marittimi, seguita il 27 ottobre da un attacco di terra che finora ha provocato la morte di oltre 36.280 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo i dati dell’Health. Ministero nel governo di Gaza guidato da Hamas.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *