Iran: talebani preoccupati per il trattamento dei rifugiati afgani

Iran: talebani preoccupati per il trattamento dei rifugiati afgani

Kivalu: Dal sud dell’Etiopia al nord del Kenya passando per la Somalia, 22 milioni di persone sono minacciate dalla fame, vittime di una storica siccità iniziata alla fine del 2020 e destinata a continuare nei prossimi mesi.

Questo numero è quasi raddoppiato dall’inizio del 2022, quando 13 milioni di persone soffrivano la fame nel Corno d’Africa.

In questa regione dove la popolazione vive principalmente di allevamento e agricoltura, oggi ci sono circa 5,6 milioni di persone “in grave insicurezza alimentare” in Somalia, 12 milioni in Etiopia e 4,3 milioni in Kenya, secondo le Nazioni Unite.

Più di 1,7 milioni di persone hanno lasciato le loro case in cerca di acqua e cibo, secondo l’ultimo rapporto del Programma alimentare mondiale pubblicato il 23 gennaio.

Secchezza senza fine

Il Corno d’Africa è una delle regioni più colpite dai cambiamenti climatici.

Dal 2016, otto delle tredici stagioni delle piogge sono state meno del normale, secondo i dati del Climate Risk Center, un’organizzazione di riferimento che comprende accademici e l’Early Warning Systems Network. Contro la carestia (pochi).

L’attuale siccità, causata da una serie di cinque stagioni delle piogge fallite dalla fine del 2020, è sconosciuta da almeno 40 anni. Tuttavia, nessuna carestia è stata dichiarata ufficialmente.

L’ultima carestia nella regione, che ha causato la morte di 260.000 persone, la metà delle quali erano bambini sotto i sei anni in Somalia nel 2011, è stata causata da due stagioni consecutive di forti piogge.

In tutto il Corno d’Africa i raccolti, già devastati da un’infestazione di locuste, sono stati spazzati via e le mandrie prive di acqua e pascoli sono state devastate. Più di 9,5 milioni di capi di bestiame sono morti, secondo le stime dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) a novembre.

READ  Ritratti: sei donne storiche che hanno lasciato il segno su Roma

Questa crisi è stata esacerbata dalle conseguenze della guerra in Ucraina, che ha fatto aumentare i prezzi del grano e del carburante e sottratto molti fondi per gli aiuti umanitari.

La situazione peggiorerà nei prossimi mesi e le organizzazioni umanitarie avvertono che anche la sesta stagione delle piogge, da marzo a maggio, è dichiarata inferiore alla media.

Somalia, epicentro

La Somalia è il paese più colpito, con più della metà della sua popolazione (7,85 milioni di persone) colpita da questa siccità.

Ufficialmente, le soglie per dichiarare una carestia devono ancora essere raggiunte, anche grazie alla mobilitazione finanziaria dell’ultimo minuto alla fine del 2022.

Ma senza amplificare la risposta umanitaria, “la carestia è prevista tra aprile e giugno 2023 nel sud della Somalia tra le popolazioni agro-pastorali dei distretti di Baidoa e Burhakaba, e tra le popolazioni sfollate nella città di Baidoa e Mogadiscio”. Osha ha avvertito a dicembre.

Si prevede che il numero di persone in stato di “catastrofe alimentare”, che è l’ultima fase prima della carestia secondo la terminologia internazionale, aumenterà da 214mila a 727mila entro la metà del 2023, secondo l’OSHA.

I bambini sono a rischio

Secondo l’UNICEF, quasi due milioni di bambini in tutto il Corno d’Africa “richiedono cure urgenti per la malnutrizione acuta grave, la forma più mortale di fame”.

L’UNICEF ha stimato a settembre che 730 bambini sono morti tra gennaio e luglio 2022 nei centri nutrizionali in Somalia, una cifra che considera probabilmente sottostimata.

In mancanza di acqua, latte e cibo, e vivendo spesso in condizioni antigeniche, i più giovani si ritrovano fortemente indeboliti, il che rende il loro organismo più suscettibile alle malattie (morbillo, colera…) e compromette il loro sviluppo a lungo termine.

READ  L'UE esorta l'Italia a rispettare il suo calendario e ad accettare finanziamenti aggiuntivi

Accompagnando o inviando quotidianamente le loro famiglie sfollate in cerca di cibo, 2,7 milioni di bambini hanno abbandonato la scuola e altri quattro milioni sono a rischio di abbandono.

Richieste di finanziamento

“Non si intravede una fine alla crisi della fame”, ritiene il direttore della Ong Save The Children per l’Etiopia, Xavier Joubert: “I bisogni stanno diventando enormi. Occorrono urgentemente ulteriori fondi (…)”.

Oggi, solo il 55,8% dei 5,9 miliardi di dollari richiesti dalle Nazioni Unite per mitigare questa crisi nel 2023 è stato finanziato.

Nel 2017, la prima mobilitazione umanitaria ha evitato la carestia in Somalia.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *