Iran | Il Pakistan bombarda i “nascondigli dei terroristi”

Iran |  Il Pakistan bombarda i “nascondigli dei terroristi”

(Islamabad) – Due giorni dopo l'attacco iraniano sul suo territorio, il Pakistan ha annunciato giovedì di aver effettuato nella notte “attacchi contro i covi dei terroristi” in Iran, provocando la morte di sette persone, secondo la televisione pubblica iraniana.


I media statali iraniani hanno riferito che tre donne e quattro bambini sono rimasti uccisi in esplosioni nel sud-est del Paese.

Il ministero degli Esteri pakistano ha annunciato in un comunicato che “questa mattina il Pakistan ha effettuato una serie di attacchi precisi, altamente coordinati e specificatamente diretti contro i nascondigli dei terroristi nella provincia del Sistan-Baluchestan”, nel sud-est dell'Iran.

Ha aggiunto: “Un certo numero di terroristi sono stati uccisi”.

L'agenzia di stampa ufficiale iraniana IRNA ha osservato che “diverse esplosioni sono state udite in diverse aree intorno alla città di Saravan”, citando un funzionario del Sistan-Baluchestan, dove l'esercito sta affrontando un'insurrezione che dura da decenni.

Islamabad ha considerato “del tutto inaccettabile” e ingiustificato questo attacco, avvenuto, secondo i media pakistani, vicino a Panjgur, a sud-ovest della provincia del Balochistan (ovest), dove Pakistan e Iran condividono un confine che si estende per mille chilometri.

Martedì sera Teheran ha anche effettuato un attacco aereo contro “obiettivi terroristici” in Pakistan. Mercoledì Islamabad ha considerato questo attacco, che ha portato alla morte di due bambini, “del tutto inaccettabile” e ingiustificato.

“L'azione intrapresa questa mattina è stata presa alla luce di informazioni credibili di intelligence su imminenti attività terroristiche su larga scala”, ha detto giovedì il ministero degli Esteri pakistano.

Secondo i media pakistani, l'attacco iraniano è avvenuto vicino a Panjgur, a sud-ovest della provincia del Balochistan (ovest), dove Pakistan e Iran condividono un confine che si estende per mille chilometri.

READ  In India sono stati identificati più di 400.000 nuovi casi

In risposta, il Pakistan ha richiamato il suo ambasciatore in Iran e ha deciso di impedire il ritorno dell'ambasciatore iraniano attualmente nel suo paese.

“Risposta con missili e droni”

L'agenzia di stampa iraniana Mehr ha precisato che questa “risposta con missili e droni” ha preso di mira il quartier generale del gruppo jihadista Jaish al-Adl in Pakistan, in risposta ad un “attacco alla sicurezza” dell'Iran.

L’Esercito della Giustizia, costituito nel 2012, ha effettuato negli ultimi anni diversi attacchi sul territorio iraniano.

Martedì, l’Iran ha lanciato attacchi missilistici contro quelli che ha definito quartier generali delle “spie” e obiettivi “terroristici” in Siria e nella regione autonoma del Kurdistan iracheno.

Questi attacchi iraniani arrivano in un momento in cui il Medio Oriente è scosso dalla guerra tra il movimento islamico palestinese Hamas e Israele nella Striscia di Gaza e dagli attacchi dei ribelli Houthi nello Yemen, sostenuti dall’Iran, contro navi commerciali nel Mar Rosso.

Iran e Pakistan spesso si accusano a vicenda di consentire ai gruppi ribelli di operare dai rispettivi territori per lanciare attacchi, ma è raro che le forze ufficiali di entrambi i paesi partecipino.

Gli Stati Uniti hanno condannato gli attacchi iraniani e il portavoce del Dipartimento di Stato Matthew Miller ha denunciato il fatto che Teheran “ha violato i confini sovrani dei suoi vicini negli ultimi giorni”.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *