Intelligenza artificiale utilizzata per decifrare i rotoli carbonizzati dall'eruzione del Vesuvio

Intelligenza artificiale utilizzata per decifrare i rotoli carbonizzati dall'eruzione del Vesuvio

Tre ricercatori hanno vinto lunedì un premio di 700.000 dollari per aver utilizzato l'intelligenza artificiale per decifrare una piccola parte di manoscritti di quasi 2.000 anni che furono gravemente danneggiati dall'eruzione del Vesuvio nel 79 d.C.

• Leggi anche: La scoperta di impronte umane risalenti a più di 100.000 anni fa in Marocco

I Papiri di Ercolano sono costituiti da circa 800 manoscritti che, secondo gli organizzatori del concorso, furono carbonizzati durante l'eruzione che seppellì Pompei ed Ercolano.

I rotoli assomigliano a tronchi carbonizzati e sono conservati all'Institut de France di Parigi e alla Biblioteca Nazionale di Napoli, e si sbriciolano e si danneggiano facilmente quando si tenta di aprirli.

Il concorso, chiamato “Vesuvius Challenge”, è stato creato da Brent Sills, ricercatore di informatica presso l’Università del Kentucky negli Stati Uniti, e Nat Friedman, fondatore della piattaforma GitHub, ora di proprietà di Microsoft.



Agenzia di stampa francese

Gli organizzatori avevano precedentemente effettuato la scansione di quattro manoscritti e offerto una ricompensa totale di 1 milione di dollari a chiunque fosse riuscito a decifrare almeno l'85% di quattro sillabe di 140 caratteri.

Il trio che ha vinto la “Vesuvius Challenge” è composto da Youssef Nader, dottorando a Berlino, Luc Vareteur, studente e stagista presso SpaceX dal Nebraska negli Stati Uniti, e Julian Schleger, studente svizzero di robotica.

In particolare, hanno utilizzato l’intelligenza artificiale per distinguere l’inchiostro dal papiro e determinare la natura delle lettere greche rilevando i duplicati.



Intelligenza artificiale utilizzata per decifrare i rotoli carbonizzati dall'eruzione del Vesuvio

Agenzia di stampa francese

Utilizzando questa tecnica, Luke Variator è riuscito a decifrare la prima parola del passaggio, la parola greca per viola.

READ  Twitch: una nuova opzione di raccolta fondi di "beneficenza".

Secondo gli organizzatori, grazie alla loro collaborazione sono riusciti a decifrare circa il 5% del manoscritto. Secondo Nat Friedman, il suo autore era “molto probabilmente il filosofo epicureo Filodemo”, che scriveva “di cibo, musica e godimento dei piaceri della vita”.

Alcuni storici ritengono che questi documenti fossero precedentemente di proprietà di Lucio Calpurnio Pisone Cisonino, padre di Calpurnia, una delle mogli di Giulio Cesare. La Villa del Papiro, dove furono rinvenuti i manoscritti nel XVIII secolo, rimane in gran parte sepolta e potrebbe contenere diverse migliaia di altri manoscritti.

“Alcuni di questi testi potrebbero riscrivere completamente la storia di periodi chiave del mondo antico”, ha detto a Bloomberg Businessweek Robert Fowler, studioso di studi classici e presidente della Herculaneum Society.

La decifrazione di questi testi potrebbe già rappresentare un importante passo avanti: secondo un inventario condotto dall'Università della California, Irvine, solo dal 3 al 5% dei testi greci antichi sarebbe sopravvissuto fino all'era moderna.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *