Intelligenza artificiale in sanità: un software che paga

Intelligenza artificiale in sanità: un software che paga

salute. Da poco più di un anno, l’équipe del Gruppo di Medicina di Famiglia dell’Università La Pomeraie (GMF-U) utilizza un software che sfrutta l’intelligenza artificiale per guidare meglio i pazienti che li contattano. Stiamo già iniziando a sentire i risultati.

Dalla prima settimana dopo l'implementazione del software Vitr.ai, ideato dal farmacista Alexandre Chagnon di Granby, la durata delle chiamate è stata ridotta del 75%.

Questo software aiuta a indirizzare i pazienti agli specialisti giusti al momento giusto.

“L'utente che chiama la clinica, quando l'agente amministrativo risponde alla chiamata, nominerà il suo problema”, spiega il medico della GMF-U La Pommeraie, il dottor Jean-Gabriel Billet. Inserisce letteralmente il suo problema in una casella del programma. Da queste informazioni, il programma genererà le seguenti domande per rispondere a due domande. Quale professionista sanitario è più rilevante per valutare il problema del paziente? Quando sarà più importante? »

Le segretarie mediche sono solitamente quelle che rispondono al telefono al GMF-U, ma a causa della carenza di manodopera, sono sempre meno disponibili.

“Spesso dobbiamo utilizzare agenti amministrativi che non provengono necessariamente dal settore sanitario”, sottolinea la dott.ssa Billet. Utilizzando il software, ti aiuta a prendere decisioni e ti indirizza al professionista giusto. Anche le nostre segretarie mediche qualificate adorano questo strumento perché dà loro una sensazione di fiducia e competenza. Sono d'accordo con le linee guida. »

Questo strumento permette anche di migliorare le competenze degli operatori sanitari.

“Ci sono problemi che possono essere gestiti meglio da un farmacista comunitario e questo lascia più tempo al medico o all'infermiere in clinica”, fornisce come esempio il dottor Billett. Troviamo il fornitore giusto per il paziente giusto al momento giusto! »

READ  Declino della biodiversità settentrionale

Il software ha anche permesso di modernizzare i modi di fare le cose.

“Prima di questo strumento, il routing veniva eseguito utilizzando una griglia grande e indigeribile su carta”, afferma il dott. Billett. Ora tutto questo è stato integrato nella guida fornita dal programma. Se ci sono cambiamenti, l'arrivo o la partenza di un nuovo professionista, questo cambierà i percorsi, senza dover mettere un mucchio di adesivi su carta! »

“Formare nuove persone come operatori telefonici è molto più veloce perché possono fare affidamento su questo strumento”, aggiunge.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *