In Calabria, la Vergine abbraccia la mafia

Scritto da Thomas Santorens

Postato oggi alle 02:32

La meta, mitica, non è offerta al primo arrivato. Bisogna prima uscire dalla periferia di Reggio Calabria, lasciandosi dietro la targa piena di proiettili nell’ultimo paese prima che l’autostrada salga verso le valli selvagge dell’Aspromonte e si lasci inondare di nebbia. L’auto naviga quindi attraverso un labirinto di querce e felci, la foresta di un racconto di Grimm nel cuore del Mezzogiorno. L’autista, abbandonato dal GPS, perde la direzione, fino a quando la cortina di foglie finalmente si apre e appare, e si trova in una profonda valle, il santuario più sacro della Calabria: una chiesa modesta, pochi edifici con fondamenta in pietra per ospitare pellegrini e bancarelle chiuse Souvenir invernali.

Notre-Dame de Paulse (Calabria), ottobre 2020.

Notre Dame de Paulsy promette la salvezza del visitatore. “Scendi a Polsi con i tuoi peccati e torna nove”Di solito, dicono gli iniziatori. Per credere la più pia, la Vergine locale – detta anche la “Regina della Montagna” – compie miracoli: dà figli alla donna sterile, cura gli infermi, dà la parola agli idioti.

Ma altri resoconti di lui, questa volta supportati da intercettazioni e confessioni di pentimento. L’élite della ndrangheta, la mafia calabrese, ha sempre avuto le proprie abitudini di tiro. Durante i “vertici” organizzati segretamente in questo rifugio imponente, i cui dormitori contengono circa 250 letti, i capi dei clan hanno forgiato alleanze, celebrato investimenti e ordinato sanzioni.

READ  Il Gruppo Vivendi vince contro il regolatore italiano delle telecomunicazioni
All'interno della Basilica di Notre-Dame de Paulse (Calabria), ottobre 2020.

Quattro persone entrano nel campus, chiuso al pubblico una domenica d’inverno. Uomini di poche parole esitano a parlare del loro luogo di lavoro unico: una vecchia guardia africana e diacono, cuoco e giardiniere. Intorno a loro regna il silenzio cotone delle montagne.

Questo ruppe la calma con rimpianto, disse la guardia con voce debole: “Durante le celebrazioni di settembre, più di 7.000 pellegrini si incontrano qui. Molti di loro arrivano scalzi, dopo due giorni di cammino, e alcuni finiscono la strada in ginocchio. Le auto sono parcheggiate in fila per chilometri”. Tra la folla di clienti abituali, ci sono un certo numero di “ndranghetisti”, a volte dagli Stati Uniti, dal Canada o dall’Australia; L’opportunità per loro di combinare Hajj e incontri di lavoro.

Stanza blindata per il prete

Hai il 79,51% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *