Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto il suo secondo livello più basso a marzo

Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto il suo secondo livello più basso a marzo

(Parigi) Il mondo ha vissuto il suo secondo marzo più caldo e il volume del ghiaccio marino antartico ha raggiunto il secondo livello più basso del mese, dopo un record a febbraio, secondo i dati dell’Osservatorio europeo del clima pubblicati giovedì.


“Dopo un minimo record di estensione a febbraio, il ghiaccio marino antartico ha raggiunto il secondo livello più basso di marzo nei 45 anni per i quali sono stati registrati i dati satellitari”, ha affermato Samantha Burgess, vice capo dell’Osservatorio Copernicus sui cambiamenti climatici dell’Unione europea.

A marzo, che coincide con la caduta australiana, la quantità di ghiaccio marino era inferiore del 28% rispetto alla media. Pertanto, ha raggiunto 3,2 milioni di chilometri2o 1,2 milioni in meno rispetto alla media mensile 1991-2020, ha affermato un portavoce di Copernicus.

Dall’altra parte della Terra, l’estensione del ghiaccio marino artico era del 4% inferiore alla media.

Copernicus stima inoltre che il mese scorso sia stato il secondo marzo più caldo a livello globale, insieme a marzo del 2017, 2019 e 2020. Detiene il record di marzo del 2016.

Il mese scorso, le temperature sono state superiori alla media nell’Europa centrale e meridionale, ma al di sotto della media nella maggior parte del nord Europa.

Era molto più caldo del normale in vaste aree tra cui l’Africa settentrionale, la Russia sudoccidentale e la maggior parte dell’Asia, dove sono stati battuti diversi record mensili.

Temperature ben al di sopra della media sono state registrate nel nord-est del Nord America, in Argentina e nei suoi vicini, in gran parte dell’Australia e nelle regioni costiere dell’Antartide.

READ  Libano: Annullamento della vendita del primo carico di grano esportato dall'Ucraina

Gli ultimi otto anni sono stati i più caldi mai registrati in tutto il mondo, tutti superando le temperature preindustriali di oltre un grado, ha stabilito Copernicus a gennaio.

Questo riscaldamento è il risultato dell’attività umana, in particolare dell’uso di combustibili fossili che rilasciano gas serra.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *