Il film femminista diventato un fenomeno sociale in Italia

Il film femminista diventato un fenomeno sociale in Italia

Fenomeno da 5 milioni di visualizzazioni in Italia, l'opera prima diretta da Paola Cortellisi è imperfetta ma coinvolgente. Roma, fine anni Quaranta, Delia si destreggia tra tre lavori: un marito violento e un suocero tirannico, due figli che seguono le orme paterne e un'adolescente dal destino incerto. In bianco e nero, intriso di canzoni italiane, ricco di riferimenti al neorealismo (Visconti, De Sica, Scola) ma liberato da esso attraverso anacronismi, questo film sulla condizione della donna non è privo di affettazione. Tuttavia, la sua fiducia nel cinema, il suo stile (le sequenze tra la danza della morte e la scena dell'orrore) e il genuino entusiasmo sono sostenuti. Giocando su un barlume di speranza tangibile, nel tunnel del patriarcato, Cortellesi, che non si lascia ingannare da nulla, osa tutto e centra il bersaglio.

La visualizzazione di questo video potrebbe comportare l'inserimento di cookie da parte dell'operatore della piattaforma video a cui verrai indirizzato. A causa del tuo rifiuto di depositare i cookie e per rispettare la tua scelta, abbiamo bloccato la riproduzione di questo video. Se desideri continuare e riprodurre il video, devi darci il tuo consenso facendo clic sul pulsante qui sotto.

READ  Master per giovani registi

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *