I segreti archeologici del Quebec vengono ora svelati grazie ai progressi scientifici… ed è davvero sorprendente!

I segreti archeologici del Quebec vengono ora svelati grazie ai progressi scientifici… ed è davvero sorprendente!

Resti vegetali che raccontano la storia di Montreal. Insetti di quattro secoli che potrebbero essere entrati in contatto con l’Intendente Talon in Quebec. E il legno delle case storiche di Laval e L’Isle-Bizard, la cui origine ci permette di capire come vivevano i nostri antenati nel XVIII secolo.H un secolo. Il Quebec è pieno di segreti archeologici tanto poco conosciuti quanto affascinanti.

Per il secondo anno consecutivo, Giornale In collaborazione con Pointe-à-Callière e la Cité d’archéologie et d’histoire de Montréal, è lieta di offrire ai suoi lettori una serie di contenuti che permetteranno loro di comprendere meglio alcune di queste ricchezze nascoste del nostro passato.

Stiamo ora pubblicando la prima parte di questi contenuti sul nostro sito web. Scopri come i resti di una pianta di 350 anni ci permettono di comprendere il passato di Montreal. Nuovi e altrettanto fantastici contenuti verranno pubblicati online ogni sabato sul nostro sito per le prossime 12 settimane.

• Leggi qui: Gli archeologi hanno scoperto resti di piante risalenti al 1674 a Montreal… e hanno fatto scoperte sorprendenti sui nostri antenati!

Per i nostri lettori che non vogliono aspettare e vogliono accedere subito a tutti e 12 questi contenuti, ricordiamo che sono disponibili in forma cartacea in uno speciale taccuino di 28 pagine pubblicato in Rivista di Montreal E Rivista del QuebecSi svolgerà nel fine settimana del 18 e 19 maggio.

Attraverso questi testi, i nostri lettori potranno conoscere siti archeologici poco conosciuti del Quebec, ma da un’angolazione originale: le tecniche di indagine – spesso molto complesse – che gli archeologi utilizzano per demistificare il nostro passato.

Oggi è la scienza e gli straordinari progressi che ha compiuto che ci permettono di capire come vivevamo, nelle nostre terre, non solo nell’era della Nuova Francia, ma anche nella preistoria.

READ  Un posto di lavoro tossico aumenta il rischio di depressione del 300%.

È pazzesco come a volte cose infinitesimali possano spiegare grandi fenomeni sociali e raccontare la storia della nostra gente…

Gli archeologi alzano la penna

Tutti i contenuti sono scritti da archeologi che sono essi stessi specialisti nelle tecniche che descrivono.

Vorrei anche ringraziare calorosamente Hendrik van Gijsegem, Dottore in Archeologia e Project Manager a Pointe-à-Callière, per il suo ruolo chiave nel coordinamento con gli archeologi e per la sua preziosa collaborazione per il successo di questa avventura.

Buona lettura!

Sebastiano Menard

Editore e caporedattore del Journal de Quebec

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *