I ricercatori hanno osservato un gruppo di orche assassine che cacciavano capodogli

I ricercatori hanno osservato un gruppo di orche assassine che cacciavano capodogli

VANCOUVER – I ricercatori dell'Università della British Columbia affermano di aver identificato una potenziale nuova popolazione di orche di acque profonde che predano i principali predatori del pianeta.

In uno studio pubblicato venerdì, i ricercatori hanno affermato che un gruppo di 49 orche sono state viste cacciare capodogli al largo delle coste statunitensi della California e dell'Oregon.

In un caso, le orche assassine sono state viste inseguire un branco di nove capodogli adulti, “solo per andarsene con uno”, ha scritto l'autore principale Josh McInnis in una dichiarazione.

Secondo McInnis, questa sarà la prima volta che le orche attaccano i capodogli sulla costa occidentale.

Altri “incontri” con le orche includono attacchi contro un capodoglio nano e predazione contro un elefante marino settentrionale e un delfino di Risso, dice uno studente di master presso l'Institute of Oceans and Fisheries dell'Università della British Columbia.

I ricercatori hanno affermato che le orche osservate in nove incontri tra il 1997 e il 2021 potrebbero appartenere a un sottoinsieme di orche che attraversano la costa o a un gruppo unico nell’oceano.

L'articolo afferma che i ricercatori sono stati in grado di identificare le orche come un nuovo gruppo, in parte a causa delle cicatrici da morsi sui loro corpi causate dallo squalo feroce, un piccolo squalo parassita che vive nelle profondità dell'oceano.

MacInnis sottolinea che quasi tutte le orche avevano cicatrici, mentre le altre orche non ne avevano nessuna. “Ma la grande domanda è: dove si collocano queste orche assassine (nella classificazione)? Non lo sappiamo (…), ma quello che sappiamo è che rappresentano la popolazione che sembra trascorrere più tempo in alto mare, ” ha detto MacInnis in un’intervista.

READ  Capcom Fighting Collection: una raccolta di 10 giochi di combattimento arcade, di cui 3 inediti in Occidente, ufficialmente a tema e datati

Il coautore dello studio Andrew Traits dell'Institute of Oceans and Fisheries dell'Università della British Columbia ha affermato che è “altamente insolito” trovare un nuovo gruppo di orche assassine, dato il tempo necessario per scattare foto e identificare gli animali come diversi dai gruppi conosciuti. . In realtà.

I ricercatori hanno affermato di aver notato anche differenze fisiche nelle orche, come macchie sulle pinne e sul dorso.

Ora sperano di documentare più osservazioni e dati sulla nuova popolazione per studiare quanto diverse queste orche siano diverse dalle altre popolazioni conosciute.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *