I chirurghi spagnoli hanno eseguito il primo trapianto di polmone completamente automatizzato

I chirurghi spagnoli hanno eseguito il primo trapianto di polmone completamente automatizzato

I chirurghi spagnoli hanno eseguito il primo trapianto di polmone completamente automatizzato. Questo, grazie al robot da Vinci, è molto meno doloroso per il paziente.

Un ospedale spagnolo ha gestito quello che avrebbe potuto essere Il primo trapianto di polmone completamente automatizzato. I chirurghi dell’ospedale universitario Val d’Ebron di Barcellona hanno utilizzato un prof Robot Con quattro braccia chiamato “Da Vinci” per eseguire questa azione. Il paziente era un uomo di 65 anni di nome Xavier che aveva bisogno di un nuovo polmone a causa della fibrosi polmonare, una malattia potenzialmente fatale.

I chirurghi spagnoli hanno eseguito il primo trapianto di polmone completamente automatizzato

I trapianti di polmone sono solitamente molto invasivi: bisogna praticare un’incisione di 30 centimetri nel torace e rompere diverse costole. Ciò consente ai chirurghi di accedere al polmone del paziente e sostituirlo con un organo sano proveniente da un donatore.

Ma grazie a da Vinci, i chirurghi sono riusciti a entrare nel torace senza rompere un solo osso, attraverso una piccolissima incisione. Il nuovo polmone è stato sgonfiato in modo da poter essere inserito attraverso questa piccola incisione di soli 8 cm. Diverse altre piccole incisioni sono state praticate sui lati per consentire al braccio robotico e alle telecamere 3D, che offrono ai chirurghi una visione a 360 gradi dell’interno del polmone, di svolgere il loro lavoro.

I robot Da Vinci sono stati progettati dalla società americana Intuitive Surgical nel 2000 e sono oggi utilizzati per trattare centinaia di migliaia di pazienti ogni anno. Il sistema non esegue l’operazione stessa, ma riproduce i movimenti del chirurgo.

Il robot era stato utilizzato solo una volta prima in un trapianto di polmone al Cedars-Sinai Hospital di Los Angeles, ma è stato utilizzato solo parzialmente durante la procedura e il polmone è stato inserito nel torace in modo tradizionale.

READ  Video: Nordic Science scuote le cose e smonta il giroscopio

Questo, grazie al robot da Vinci, è molto meno doloroso per il paziente

Questo nuovo metodo è meno doloroso per il paziente e riduce il rischio di infezione chirurgica poiché la ferita guarisce più facilmente.

ha affermato il dottor Albert Jauregui, direttore del Centro Dipartimento di Chirurgia Toracica e Trapianti Polmonari presso l’Ospedale Universitario della Val d’Ebronne.

Grazie a questa piccola incisione, Xavier ha potuto assumere il paracetamolo solo dopo l’operazione, mentre i trapianti di polmone richiedono un pesante trattamento postoperatorio, spesso con forti antidolorifici oppioidi.

“Dal momento in cui ho ripreso conoscenza e mi sono svegliato dall’anestesia generale, non ho avuto dolore”, ha detto Xavier.

Altri pazienti in lista d’attesa per il trapianto di polmone nella Vall d’Hebron potranno ora beneficiare di questa procedura. Il Dr. Jauregui ha aggiunto che spera che in futuro questo nuovo approccio diventi il ​​nuovo standard globale. “Questo processo non rimarrà nella Vall d’Hebron, ed è per questo che lo stiamo mostrando al mondo intero, perché se questa procedura funziona, e siamo convinti che funzioni, allora deve essere utilizzata ovunque, con i più importanti l’obiettivo è quello di aiutare quante più persone possibile”.

Ora, il team responsabile dei trapianti in ospedale sta lavorando per migliorare ulteriormente la procedura. I chirurghi stimano che il primo trapianto di doppio polmone eseguito con questa tecnica potrebbe avvenire in pochi mesi.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *