Gli scettici sui vaccini nei Balcani rendono la vita difficile alla scienza | Scienza | Notizie | il Sole

Nei Balcani, la disinformazione è sempre stata il miele della sfiducia nei governi e nelle istituzioni segnati dalla corruzione e dalla mancanza di trasparenza.

In Serbia, da trovare False notizieBasta aprire un tabloid che prevede regolarmente una guerra imminente. Le teorie sulle cospirazioni internazionali abbondano di nemici vicini e lontani in una regione in cui i politici hanno imparato l’arte di distogliere l’attenzione dai problemi economici che li hanno inseguiti dalle guerre degli anni ’90.

Zoran Radovanovic, professore in pensione di epidemiologia presso l’Università di Belgrado, ha affermato che le teorie anti-vaccino si diffondono “facilmente dove la fiducia nell’autorità è debole”. “Nei Balcani, dopo 30 anni di declino, le persone non si fidano delle autorità, comprese quelle mediche”.

Ascolta le “voci”

Il contrasto è netto con Tito in Jugoslavia, che ha sconfitto l’ultima grande epidemia di vaiolo in Europa con una massiccia campagna di vaccinazioni negli anni ’70.

Secondo il professor Radovanovic, negli ultimi cinque anni si sono sviluppati sospetti sul vaccino, inizialmente come reazione al vaccino MMR (morbillo, parotite e rosolia) falsamente correlato all’autismo.

Di conseguenza, nel 2018 il paese ha registrato un forte aumento dei casi di morbillo.

Secondo uno studio pubblicato da The Lancet, la Serbia è tra i sei paesi al mondo che tra il 2015 e il 2019 hanno registrato un “aumento significativo” del numero di coloro che credevano che i vaccini non fossero sicuri.

In tutti i Balcani, i sospetti sono diffusi da un pugno di medici, alcuni dei quali sono seguiti da decine di migliaia di persone sui social network.

Promuovono i presunti benefici di camminare a piedi nudi per 15 minuti al giorno o pubblicano link ad articoli sui presunti pericoli dei nuovi vaccini.

READ  Il tè verde e il caffè ridurranno il rischio di morte

In Serbia, l’account Twitter della psichiatra e politica di destra Jovana Stojkovic è stato chiuso dopo aver diffuso false informazioni sui vaccini tra gli attacchi agli immigrati e alla comunità gay.

“O i medici non sanno molto, o non si istruiscono, o rimangono deliberatamente in silenzio sugli aspetti negativi della vaccinazione”, ha detto a France Press. Rifiutando l’etichetta “contro la vaccinazione”, afferma che sostiene la “libertà di scelta”.

Nel 2017, i medici hanno presentato una denuncia al dottor Stojkovic per “diffusione del panico” sostenendo che i bambini non vaccinati “sarebbero stati portati via dai loro genitori” e diffondendo bugie sulle vaccinazioni stesse.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *