Festival internazionale del cinema femminile – In onore di Cecilia Mangini

Scritto da Amelie Ravout

Giunto alla quarantatreesima edizione, il Festival internazionale del cinema femminile (FIFF) di Creteil omaggia la regista italiana Cecilia Mangini, scomparsa a gennaio e che da dieci anni mantiene un rapporto speciale e intimo con il festival. Il FIFF, che quest’anno si terrà interamente online tramite la piattaforma del festival dedicata “Scope of Festivals”, si svolgerà dal 2 all’11 aprile 2021. Nove cortometraggi, sei documentari e sette lungometraggi, non tutti proiettati in La Francia, gareggerà. Ciascuna delle categorie. In programma anche dieci film sul tema del patrimonio, dei trasporti, della memoria e dei corridoi. Film di Cecilia Mangini: Due scatole dimenticate (Viaggio in Vietnam), diretto da Paolo Pisanelli, lo fa eco.

« Cecilia Mangini prima di diventare critico cinematografico e poi soprattutto regista di documentari, accanto al marito Lino Del Fra, è stata fotografa. Nel 1965, Cecilia e Lino intrapresero il loro viaggio in Vietnam devastato dalla guerra e trovarono un documentario che non avrebbero mai realizzato. Più di mezzo secolo dopo, Cecilia è tornata ai servizi fotografici fatti all’epoca, spesso segreti, commoventi e immobili, alcuni dei quali trova per caso. Insieme a Paolo Pisanelli ha realizzato un documentario: Due scatole dimenticate (A causa dello skatole dimenticate). Questo film è molto più di un ritorno a un progetto incompiuto. Cecilia coglie l’occasione per rivedere la sua vita e le sue opzioni (Estratto dalla cartella stampa)

Il film inizia con le domande di Mangini quando trova due scatole piene di fotografie scattate durante il soggiorno in Vietnam, Totally Forgotten Memories: Perché la nostra memoria ci gioca brutti scherzi? Le foto e i filmati ci aiutano a ricordare chi eravamo? Le mie foto possono dirti, più di me stesso, chi sono? Scorrendo le immagini, vagliando i negativi, rileggendo gli appunti presi da lei e Lino, e trovando la sceneggiatura del film e le canzoni ascoltate in quel momento, il Mangini’s Salon, l’unica location delle riprese, si riempie. A poco a poco immagini, volti, suoni, conversazioni e persino profumi e odori. La sincerità e la presa in giro di Mangini di se stessa sono influenti in molti modi, e il suo aspetto, che è sempre giusto e accurato, è ciò che la rende così com’era. L’inizio del film conferma questo fatto, attaccando un occhio, una lente, una canna di fucile e un raggio di luce dalla proiezione all’idea di rotazione, rotazione e trasporto.

READ  John Travolta, children's video The first Christmas since the death of Kelly Preston

Come Deux box oubliées, la programmazione dell’edizione FIFF 2021 indaga le questioni del patrimonio e della memoria mentre allestisce una sorta di inventario per pensare al presente e immaginare percorsi futuri. La retrospettiva di Nicole Stefan e la presenza di Aïssa Ma ضور ga come ospite d’onore Regard Noir introduce parte di questo progetto. I due forzieri dimenticati (Un viaggio in Vietnam) saranno disponibili da sabato 3 aprile alle 18:00 fino a lunedì 5 aprile a mezzanotte sulla piattaforma. Nel frattempo, alcune delle opere di Cecilia Mangini in collaborazione con Pasolini saranno visibili ad aprile nell’ambito di una retrospettiva. Pasolini, Pasolini, Pasolinens! Da BIS.

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *