Fantascienza?. E presto potremmo viaggiare tutti su taxi volanti.

Fantascienza?.  E presto potremmo viaggiare tutti su taxi volanti.

Piccoli aerei elettrici, guidati dall’intelligenza artificiale, che attraversano le città, per trasportare i passeggeri da un “porto verticale” all’altro, ecco dove promette da qui la fantascienza della Silicon Valley, solo dieci anni.

Vedremo l’emergere di reti elettriche o regionali o taxi a lunga percorrenza. “Il panorama cambierà molto”, afferma Mark Peet, il fondatore belga di Xwing, una startup specializzata in tecnologie di volo autonomo.

Molte aziende californiane si stanno attivamente preparando per questo futuro di mobilità, un toccasana per gli ingorghi e l’inquinamento.

In un hangar per aerei a Concorde, nella baia di San Francisco, Xwing si concentra sul fattore più confuso nell’equazione: realizzare qualsiasi aereo, aereo o elicottero con carburante fossile o decollo e atterraggio elettrico (VTOL), può rullare o decollare. Vola e atterra da solo.

E parlare con i passeggeri allo stesso tempo. “Il sistema di pilota automatico è occupato”, grida una voce di donna a Ryan Olson mentre si siede ai comandi, pronto per un volo in cui non tocca il cruscotto o il joystick, come un pullman con un allievo avanzato.

“Un aereo è un buon allievo, a differenza degli umani che si comportano ogni volta in modo diverso”, dice il pilota. Dotato di telecamere, server, radar, lidar e altri sensori, il Cessna Caravan è già abbastanza autosufficiente con il bel tempo e l’Xwing lo rende in grado di difendersi da solo dal maltempo.

“Uber dal cielo”

A febbraio, l’aereo elettrico VTOL (eVTOL) di Joby si è schiantato durante un volo pilotato a distanza, quando la startup stava testando velocità al di sopra dei suoi limiti. “È un male per l’intero settore quando si verifica un incidente (…) ma questo è lo scopo dei test”, afferma Louise Bristow, vicepresidente di Archer, un’altra azienda.

Archer e Joby sembrano elicotteri, ma con un’ala e più eliche. Sperano di lanciare i primi servizi di aerotaxi entro la fine del 2024, con i piloti. Wisk Aero, una startup di Boeing, e Larry Page, il co-fondatore di Google, stanno lavorando a un eVTOL indipendente.

Archer ha ricevuto un preordine da United Airlines per 200 veicoli e punta a Los Angeles e Miami per iniziare. “Stiamo costruendo uno sky uber”, afferma Louise Bristow. Stima che occorrono 10 anni “per avere abbastanza macchine in servizio, perché le persone si abituino a muoversi in questo modo e perché tu senta la differenza” nelle città.

Secondo Scott Drennan, un nuovo consulente per la mobilità aerea, queste visioni oniriche sono modellate dalla convergenza di tre tecnologie: energia elettrica, capacità di calcolo e sistemi autonomi.

Ma mentre la tecnologia è sulla strada giusta, le aziende devono affrontare due sfide principali: l’adozione e l’infrastruttura. Le autorità non esitano ma per ottenere la loro approvazione “ci vorrà più tempo di quanto si pensi”, sottolinea l’esperto. Sarà inoltre necessario costruire “porti verticali” (aerodromi verticali) e “un’interfaccia digitale per la gestione del traffico aereo e la comunicazione veicolare tra di loro”.

come un ascensore

Ci sono molte ragioni per cui Xwing sceglie di iniziare con l’autonomia.

“Abbiamo preso un dispositivo esistente e noto. Apportiamo modifiche minime per trasformarlo in un velivolo autonomo e adottarlo, quindi possiamo esplorare altre applicazioni”, riassume Mark Peet.

Il lavoro con i droni dovrebbe consentire di ridurre i costi e soddisfare la domanda nelle aree scarsamente servite, che non mancano né di aeroporti né di aerei, ma di molta manodopera. La startup prevede di equipaggiare prima le macchine preposte alla consegna delle merci, puntando alle operazioni commerciali entro due anni, prima di passare ai passeggeri.

Il presidente sa che dovrà affrontare resistenze ma è convinto che questi viaggi saranno più sicuri. Ha notato che “la stragrande maggioranza degli incidenti aerei è causata da errori umani”, prima di ricordare che grazie al pilota automatico “le persone volano davvero praticamente da sole”.

Spiega anche che l’autonomia è “più facile” nell’aria, dove l’ambiente è sotto controllo costante, a differenza delle strade.

E se gli hacker prendessero il controllo da lontano? “La nostra tecnologia è progettata in modo che l’aereo si rifiuti di eseguire ordini pericolosi”, risponde Mark Peet. Quando sono stati inventati gli ascensori, “la gente aveva il terrore di usarli senza un lavoratore”, ride. “Oggi premiamo il pulsante, senza fare domande. Sarà lo stesso per il volo”.

Agenzia di stampa francese

READ  Impara o ricorda: come scegli?

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *