Economie. Quali sono i vantaggi per Biden di un’imposta sulle società “globale”?

Introdurre un’aliquota fiscale globale del 15% “almeno” per tutte le società? Questo è un suggerimento che il team di Joe Biden ha espresso giovedì durante le discussioni con i negoziatori di 24 paesi partner dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Un nuovo grande passo per l’ultimo Presidente degli Stati Uniti e un’apertura ad altri dialoghi. Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti definisce il significato che questo tasso è un tasso “minimo”.

Ottimo primo

Quindi le discussioni continueranno e l’obiettivo è chiaro: essere “ambiziosi e“ aumentare questo tasso ”. Questa proposta è un’ottima prima sul suolo americano, dove sono state solo menzionate soglie, finora, stagnanti tra il 12,5 e il 21%.

L’obiettivo è chiaro: fare in modo che l’azienda non veda più i propri utili soggetti a una tassazione inferiore al 15%, indipendentemente da dove nel mondo si trova, o da dove ha sede.

L’Europa si rallegra

In Europa, la proposta di Washington è vista come un “buon compromesso”, in particolare da Bruno Le Maire, ministro dell’economia francese.

Quest’ultimo ha anche dichiarato: “Possiamo vivere al 15%, ma la questione principale è definire un quadro globale per la tassazione digitale e le tasse minime e raggiungere un compromesso politico entro e non oltre il vertice del G20. Inizio luglio in Italia”.

Per la sua controparte tedesca, la proposta minima del 15% è un grande passo avanti. Olaf Schultz ha poi aggiunto di essere “molto felice” per “la possibilità che questo accordo, su cui stiamo lavorando da molto tempo, possa essere portato a termine quest’estate”.

Ogni paese ha delle tariffe

Tuttavia, il tasso è ancora inferiore del 15% rispetto alle pratiche occidentali. In Francia, ad esempio, si prevede di ridurre l’imposta sul reddito al 25% entro il 2022. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, vogliono tornare al 25% e addirittura al 28%. L’ex presidente Donald Trump ha ridotto l’imposta sul reddito delle società dal 35% al ​​21% nel 2017.

READ  Ingegneria: Ufficio di progettazione corso Géotec

L’Irlanda ha un’aliquota fiscale del 12,5%. Pertanto, il Paese accoglie un gran numero di multinazionali a condizioni favorevoli, come nel caso di Google, Apple o Microsoft.

In effetti, l’aliquota complessiva del 15% cambierà le regole del gioco nei paesi OCSE e consentirà il bilanciamento di “giurisdizioni senza o con poca tassazione”; Eventuali paradisi fiscali (Bahamas, Isole Vergini britanniche, Jersey, Guernsey, Emirati Arabi Uniti, ecc.).

Questi stati ospitano le sedi di grandi società che pagano pochissime o nessuna tassa.

Ci vediamo al G20

La proposta degli Stati Uniti arriva mentre i paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) lavorano su questo tema da due anni.

Oltre ad allineare le aliquote alle entrate fiscali, c’è anche la tassazione dei giganti digitali. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sta negoziando una riforma per tassare tutte le multinazionali allo stesso modo, indipendentemente dal paese in cui si trovano.

Le aziende digitali sono particolarmente interessate. Spesso le tasse che pagano sono separate dai profitti che generano. Il prossimo incontro dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e dei 36 paesi che lo compongono si terrà il 9 e 10 giugno per il G20. Un incontro finale è poi previsto per ottobre.

Se i negoziati vanno nella direzione dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, la Francia ha già annunciato che adotterà una direttiva europea in materia all’inizio del 2022. L’OCSE intende finanziare i piani di stimolo anche imponendo una maggiore eredità tasse in tutto il mondo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *