È morto all’età di 87 anni l’astronauta americano Thomas Mattingly

È morto all’età di 87 anni l’astronauta americano Thomas Mattingly

L’astronauta Thomas Mattingly, che ha contribuito a riportare in sicurezza lo sfortunato equipaggio dell’Apollo 13 grazie ai suoi sforzi dalla cella di controllo a terra, è morto martedì all’età di 87 anni, ha annunciato giovedì la NASA.

Mentre era programmato per pilotare il modulo di comando per il volo dell’Apollo 13, Thomas Mattingly – noto anche come Ken Mattingly – è stato messo a terra 72 ore prima del lancio dopo aver contratto la rosolia, ha detto il capo della NASA Bill Nelson.

Nell’aprile 1970, durante la missione, un’esplosione paralizzò la navicella spaziale in viaggio verso la Luna. Mattingly, che non si ammalò, si recò al controllo missione e sviluppò procedure per risparmiare energia in modo che il veicolo potesse rientrare nell’atmosfera, salvando la vita degli astronauti James Lovell, Jack Swigert e Fred Haise a bordo del modulo.

Il film del 1995 “Apollo 13”, in cui Gary Sinise interpretava Mattingly, rese popolare la missione con lo stesso nome.

Salvato contro la sua volontà, l’astronauta iniziò la sua carriera come pilota dell’aviazione navale prima di essere selezionato per diventare astronauta nel 1966.

Alla NASA, è stato pilota del modulo di comando della missione Apollo 16 e comandante di missione di due navette spaziali.

“I contributi di Thomas hanno fatto avanzare il nostro apprendimento ben oltre lo spazio”, ha affermato Nelson.

READ  Il telescopio James Webb rileva per la prima volta l'anidride carbonica nell'atmosfera di un esopianeta

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *