Dopo Facebook, Google spiega le conseguenze della politica sulla privacy di Apple

Prima che questa nuova politica entri in vigore, Google Ha aggiornato un gran numero di app a dicembre 2020 per prepararsi nel miglior modo possibile dopo. In un post sul blog, Mountain View spiega le modifiche.

Uno dei principali “problemi” è relativo a IDFA o Identificatore per la pubblicità. L’utilizzo di quest’ultimo è ora nelle mani degli utenti che devono delegare attivamente il suo accesso (nel caso di un abbonamento). Sono stati effettuati numerosi test che dimostrano che non ne consentiranno l’utilizzo, il che rende più difficile il tracciamento mirato.

Christophe Combet, Google Ads Manager, spiega:

Cambiamenti di Apple ATT (NDRL: trasparenza del monitoraggio delle applicazioni) Ridurrà la visibilità di alcune metriche chiave che guidano il rendimento della conversione degli annunci (come il numero di installazioni e vendite) e influenzerà il modo in cui gli inserzionisti misurano le impressioni degli annunci e la monetizzazione “.

Pertanto, l’uomo afferma che questa nuova politica non è priva di conseguenze e aggiunge che i ricavi degli editori di app potrebbero diminuire drasticamente. Per questo motivo, Google li incoraggia ad aggiornare Google Mobile Ad Development Kit alla versione 7.64 all’interno delle loro app.

In questa versione, Google sta integrando il dispositivo SKAdNetwork sviluppato da Apple. In concreto, l’inserzionista sarà in grado di recuperare i dati relativi ai propri annunci, ad esempio se l’utente fa clic su un banner che promuove il download di un’app sull’app store. Tuttavia, Apple restituirà solo il tasso di conversione e l’ID campagna all’inserzionista, ma non i dati dell’utente o del dispositivo.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *