Documenti segreti sono stati trovati a casa di Mike Pence

Documenti riservati sono stati trovati nella casa dell’ex vicepresidente repubblicano Mike Pence, un influente membro del Congresso repubblicano che ha fatto l’annuncio martedì, aggiungendo confusione sugli archivi della Casa Bianca.

• Leggi anche: Documenti riservati di Biden, una vicenda che brucia lentamente

• Leggi anche: Sei ulteriori documenti riservati sequestrati dalla casa della famiglia Biden

• Leggi anche: Biden e Trump sono nella rete della giustizia per la gestione di documenti riservati

“L’ex vicepresidente Mike Pence ci ha informato oggi della scoperta di documenti riservati nella sua casa in Indiana”, ha dichiarato James Comer, che sta supervisionando le indagini della Camera sulla scoperta. File di questo tipo con il presidente Joe Biden.

Il funzionario eletto, che presiede il Comitato esecutivo di supervisione della Camera, ha aggiunto che Pence “accetta di collaborare pienamente alle indagini del Congresso”.

Ha detto: “La sua trasparenza contrasta con la posizione degli assistenti di Joe Biden alla Casa Bianca, che continuano a nascondere le informazioni”.

Negli Stati Uniti, una legge del 1978 impone ai presidenti e ai vicepresidenti degli Stati Uniti di inviare tutte le e-mail, le lettere e altri documenti commerciali agli archivi nazionali. Un’altra legge, sullo spionaggio, proibiva di conservare documenti classificati come segreti in luoghi non autorizzati e non protetti.

Dopo le fughe di notizie ai media, la Casa Bianca ha ammesso che tali file, risalenti all’era del vicepresidente Joe Biden, dal 2009 al 2017, sono stati scoperti in uno dei suoi ex uffici a Washington e nella sua casa di famiglia a Wilmington (Delaware, est del paese). ).

Il caso è imbarazzante perché i democratici non hanno esitato a criticare l’ex presidente repubblicano Donald Trump, preso di mira da un’indagine giudiziaria per aver tenuto scatole piene di documenti quando ha lasciato Washington nel 2021.

READ  Il Canada spenderà 2,3 miliardi di dollari per contrastare la Cina

Per mettere a tacere i sospetti di parzialità, il Dipartimento di Giustizia il 13 gennaio ha affidato le indagini sui file di Joe Biden a un procuratore speciale indipendente, come ha fatto a novembre con Donald Trump.

E in una conferenza stampa martedì, il senatore repubblicano Lindsey Graham ha chiesto una “luce” sulla questione. “Quello che prima era un problema politico” è ora, secondo lui, “un problema di sicurezza nazionale per il Paese”.

Quanto a Donald Trump, ha condiviso un messaggio di sostegno per il suo ex vicepresidente, con il quale era freddo da due anni.

“Mike Pence è innocente e non ha mai fatto nulla di disonesto in vita sua. Lascialo in pace”, ha scritto sul suo Truth Social.

  • Ascolta “So tutto” In 24 minuti con Alexandre Moranville Ouellet su QUB Radio:


You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *