Dichiarazione di UN Women in occasione della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza

Dichiarazione di UN Women in occasione della Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza

La promessa scientifica è un cambiamento positivo per l’uguaglianza di genere. Prendi il caso Natasha Sangwa, è uno dei tanti giovani diplomati del Ruanda che hanno partecipato al campo di programmazione sostenuto da UN Women. Utilizzando la robotica e le tecnologie di prossima generazione, ha creato un prototipo per aiutare la sua comunità a rispondere al cambiamento climatico. Ci ha detto: “Una delle idee che ha sviluppato attraverso questo programma è stata quella di costruire un sistema di irrigazione meccanica per aumentare la produttività e i rendimenti nelle zone rurali” e che era determinata a fare tutto il possibile per aumentare la rappresentanza delle donne e delle ragazze nel mondo della tecnologia. . .

Nel corso dei prossimi trent’anni, la maggior parte dei nuovi lavoratori del mondo potrebbe trovarsi in Africa, dove… 60 per cento Dei residenti, come Natasha, hanno attualmente meno di 25 anni. Le competenze in scienza, tecnologia, ingegneria e matematica (STEM) svolgeranno un ruolo importante nei lavori del futuro – e in tutto il mondo. Dobbiamo investire in questa opportunità – nelle giovani donne di ogni paese – per garantire che abbiano le giuste competenze per questi lavori e non siano frenate da stereotipi negativi e discriminazioni. Dobbiamo garantire che i luoghi di lavoro attuali e futuri siano ambienti in grado di attrarre, trattenere e promuovere le scienziate.

La rappresentanza e il mantenimento delle donne sono essenziali affinché i settori della scienza e della tecnologia digitale siano più creativi, innovativi e redditizi e rispecchino le questioni che contano per le donne. Attualmente, le donne rimangono significativamente sottorappresentate, costituendo solo il 29,2% di tutti i lavoratori STEM, rispetto al resto del mondo 49,3%. Nelle professioni non STEM. Gli ambienti di lavoro ostili restano diffusi e ostacolano la carriera delle donne. A Studi 2022 Lo studio, condotto in 117 paesi, ha rilevato che una scienziata su due ha riferito di aver subito molestie sessuali sul lavoro, con il 65% degli intervistati che ha riferito che ciò ha avuto un impatto negativo sulla loro carriera.

READ  In Perù è stato dichiarato lo stato di emergenza

Le partnership e l’impegno che modificano questi problemi sul posto di lavoro rappresentano un’importante opportunità per promuovere la partecipazione delle donne alle discipline STEM, poiché si stima che il settore privato rappresenti attualmente quasi 70 per cento della spesa globale per la scienza. tè Principi di emancipazione femminile Fornire un quadro per tale impegno tra le aziende del settore privato, collaborando per il progresso con i governi e il mondo accademico. Attualmente, più di 9.200 CEO in 160 paesi si sono impegnati ad attuare politiche e pratiche che attraggono, trattengono e incoraggiano le donne in posizioni di leadership, anche nella scienza e nei campi STEM più ampi, promuovendo una cultura aziendale inclusiva ed eliminando stereotipi e pratiche discriminatorie.

Mentre ci dirigiamo verso il Summit delle Nazioni Unite sul futuro che si terrà a settembre di quest’anno, compreso il nuovo Global Digital Compact, dobbiamo cogliere ogni opportunità per agire in modo rapido ed efficace per affrontare pregiudizi e discriminazioni e per equipaggiare e sostenere le menti e le immaginazioni più brillanti del nostro società. Giovani scienziati, come Natasha e i suoi coetanei.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *