Decine di tartarughe protette accoltellate a morte

Fonti ufficiali hanno appreso che un pescatore ha ammesso di aver accoltellato a morte decine di tartarughe verdi, una specie protetta, mentre erano bloccate nella sua rete vicino a un’isola nel sud del Giappone.

Giovedì scorso tra le 30 e le 50 tartarughe marine verdi sono state trovate morte o morenti, con tracce di coltellate in particolare, sulla costa dell’isola di Kumejima, 1.600 chilometri a sud-ovest di Tokyo.

“È stato uno spettacolo orribile”, ha detto all’AFP Yoshimitsu Tsukakushi, un membro della Kumejima Sea Turtle Conservation Organization.

“Le tartarughe marine sono creature carine e scappano quando gli umani si avvicinano troppo”, ha aggiunto. “Non posso credere che una cosa del genere possa accadere nel nostro tempo.”

Yoji Tabata, capo dell’associazione di pescatori locale, ha detto martedì all’AFP che un pescatore aveva confessato di aver accoltellato la tartaruga.

Secondo il signor Tabata, il pescatore, la cui identità non è stata rivelata, ha affermato di aver rilasciato molte delle tartarughe catturate nelle sue reti, ma poi ha iniziato a pugnalarle nel tentativo di indebolirle e liberarle più facilmente.

Ha detto che non aveva mai visto così tante tartarughe nelle sue reti prima. Tabata ha detto che ora si è pentito di “ciò che ha fatto”. Ha aggiunto che il pescatore ha affermato di sentire il pericolo.

La città e la polizia hanno aperto un’indagine, ha detto un funzionario della città all’AFP, rifiutandosi di rivelare se il pescatore debba subire sanzioni.

Editoriale del quotidiano locale Tempi di Okinawa Ha condannato l’azione di martedì, così come il modo in cui le tartarughe sono state lasciate morire a terra, e ha anche invitato i funzionari locali a prestare attenzione alle lamentele dei pescatori secondo cui le tartarughe stanno causando danni economici.

READ  Morte di George Floyd: il poliziotto ha usato una "forza letale" sproporzionata

Secondo i media locali, i pescatori della zona ritengono che il numero di tartarughe sia in aumento e che possano schiantarsi contro le loro barche, esponendole a danni e ferite.

Secondo il Sig. Tabata, i pescatori sono anche preoccupati perché le tartarughe mangiano l’alga che ospita i pesci.

Ha detto che questo tipo di incidente è raro e che i pescatori rilasciano regolarmente le tartarughe catturate nelle loro reti.

“Stiamo pensando a come evitare che ciò accada di nuovo”, ha detto.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.