“Credo di poter affermare senza errori di essere il primo ambasciatore del Monaco in Italia”

Nominata ambasciatrice lo scorso agosto, Anne Eastwood descrive in dettaglio la sua carriera e i suoi doveri in occasione della sua nuova nomina.

È stato nel cuore della capitale italiana, durante una solenne cerimonia svoltasi al Palazzo del Quirinale il 14 novembre,Anna Eastwood Ha presentato le credenziali al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Dopo diversi anni alla guida dell’Alto Commissariato per la Tutela dei Diritti e delle Libertà e della Mediazione, Anne Eastwood è ora Ambasciatrice Straordinaria e Plenipotenziaria del Principato di Monaco in Italia.

Dal suo ricco background legale e politico alla sua nuova missione e ambizioni, Anne Eastwood ha accettato di rispondere alle nostre domande.

Puoi descrivere il tuo background professionale in poche parole?

Doppia formazione in management e diritto, ho iniziato la mia carriera in Francia nell’ambiente molto esigente degli studi legali commerciali parigini. Ho esercitato avidamente questa professione di avvocato per otto anni, ma il mio gusto per la cosa pubblica e il mio bisogno di sentirmi utile all’interesse pubblico mi hanno portato finalmente a tornare a Monaco per mettere questa esperienza maturata all’estero al servizio del mio Paese.

Sono entrato per la prima volta nel Consiglio nazionale come capo degli affari giuridici nel 2003, prima di passare al ruolo politico più ampio di capo di stato maggiore del presidente quando è stato creato da Stéphane Valéry nel 2007. Sono poi passato al governo come direttore generale del dipartimento di Affari Sociali e Sanità, prima di essere nominato nel 2013 alla carica di Ministro di Stato.

Con la mia nomina, i nostri membri del Foreign Service sono ora in maggioranza donne

La mia professione nella pubblica amministrazione di Monaco mi ha permesso di ottenere una visione completa del funzionamento delle nostre istituzioni, che so bene esercitare dall’interno. Mi ha anche insegnato a sapermi allenare ea reinventarmi costantemente. Questo era chiaramente il caso quando, otto anni fa, Sua Altezza Reale decise di affidare a me l’istituzione dell’Istituzione dell’Alto Commissario per la Tutela dei Diritti nel Principato.

Questo rimane il caso per tre mesi in questo nuovo ruolo di ambasciatore. Amo innovare e mettermi alla prova nella mia carriera, soprattutto perché spesso mi sono trovata nella posizione di essere la prima donna a ricoprire determinate posizioni. Ancora oggi credo di poter affermare senza errori di essere la prima ambasciatrice donna inviata da Monaco in Italia, anche se negli ultimi anni questo lavoro tende a essere femminilizzato ovunque, anche nel nostro Paese. Con la mia nomina, i nostri membri del Foreign Service sono ora in maggioranza donne (7 su 13).

Anne Eastwood e il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella – © Palazzo Quirinale

Com’è andata la tua nomina ad ambasciatore? Come ti sei sentito quando ti è stato affidato questo incarico? Come fai a capirlo?

READ  Il G7 avverte che gli autori di crimini di guerra saranno "responsabili"

Durante gli ultimi anni del mio mandato come Alto Commissario, ho avuto l’opportunità in diverse occasioni di esprimere a Sua Maestà il Principe il mio interesse per il lavoro internazionale. È un aspetto che ho sviluppato in modo proattivo nei ruoli precedenti e in cui ho davvero prosperato. Apprezzo la comunicazione con le nostre controparti estere, che ho sempre trovato profondamente arricchente e stimolante, e il fatto di poter contribuire attraverso il dialogo a far conoscere meglio la nostra realtà ea irradiare il vasto potenziale dell’emirato.

L’Italia ha sempre avuto un posto speciale nel mio cuore.

Il ruolo dell’ambasciatore è proprio quello di essere promotore e facilitatore di tali buone relazioni di cooperazione tra paesi, e questo è del tutto in linea con il mio desiderio di poter fare di più per Monaco in questo senso. Ho avuto la fortuna di avere un’opportunità in Italia quando sono rientrato nel Dipartimento dopo due mandati consecutivi in ​​posizioni autonome al servizio del Principato e dei suoi componenti.

Il Sovereign, che stava prendendo in considerazione qualcuno da sostituire a Robert Fillon mentre si avvicinava il suo pensionamento, si ricordò delle nostre discussioni e mi diede l’onore di offrirmi il lavoro. L’ho accettata con un entusiasmo ancora maggiore di Roma, e questa città mi ha sempre affascinato. L’ho vista anche come un’opportunità per mettermi al servizio di un rapporto italo-monacale che mi ero portato dentro fin dalla nascita, perché, come il mio nome non indica, la mia discendenza è in parte piemontese e l’Italia ha sempre avuto un posto speciale nel mio cuore.

Leggi anche: Giulio Alaimo, Ambasciatore d’Italia nel Principato: “La cultura monegasca è molto vicina a quella italiana”

Hai progetti specifici o tabelle di marcia che vorresti perseguire?

Pochi lo sanno, ma l’Italia è il nostro principale partner commerciale, nonché un importante gruppo di assunzioni rappresentato dalla Provincia di Imperia per Monaco che svilupperà l’ultimo accordo sul telelavoro. Manteniamo stretti rapporti economici e culturali con il nostro vicino italiano, ed è chiaro che il mio primo compito sarà quello di adoperarmi per promuoverli ulteriormente, nel quadro generale della politica di attrazione avviata dal governo del Principe.

READ  Quali sono le condizioni per la nuova quarantena imposta dall'Italia giovedì?

Oltre ai nostri rapporti privilegiati con la Liguria, le recenti visite del Principe Sovrano nell’Italia meridionale hanno dato un enorme impulso rendendo possibile l’avvio di joint venture in queste regioni lontane dai nostri confini. L’Italia è ricca della diversità delle sue terre e ci sono molte opportunità per approfittarne.

A questo proposito, intendo rafforzare e fissare nuovi obiettivi per la rete di “Destination Ambassadors” creata sotto il mio predecessore insieme al Consiglio Economico di Monaco e all’Autorità del Turismo e dei Congressi, affinché diventi un vero e proprio strumento per facilitare i contatti e rafforzare le relazioni tra attori economici in tutti i settori di interesse del Principato.

Non dimentico inoltre la comunità italiana di Monaco, che sta già contribuendo attivamente alla prosperità del Paese e con la quale vorrei sviluppare relazioni affinché, nell’ambito dei progetti che mi verranno presentati, possa beneficiare dalla loro profonda conoscenza della realtà italiana e del tessuto monegasco.

Monaco è un piccolo Paese che esercita una grande influenza nella regione euromediterranea e sono orgoglioso di rappresentarlo in questa area geografica che offre così tante sinergie e opportunità.

Per quanto riguarda le pratiche bilaterali, il mio obiettivo sarà, ovviamente, quello di fornire il miglior supporto possibile al governo del Principe nel suo dialogo con le autorità italiane per l’avanzamento di questioni di interesse per Monaco, ad esempio, in materia di sicurezza sociale o nel settore delle infrastrutture portuali e di trasporto.

Ho avuto infatti modo di affrontare alcuni di questi temi con il Presidente Mattarella durante il colloquio che mi ha recentemente concesso in occasione del mio accreditamento e posso attestare la sua disponibilità all’attenzione e lo stato d’animo costruttivo con cui si è rivolto questi problemi. L’ambiente è un altro settore in cui intendo continuare a lavorare come Ambasciatore, dando seguito alle azioni che ho avviato a livello internazionale per le generazioni future quando ero Alto Commissario. Sono inoltre lieto di essere stato recentemente nominato Vice Presidente della Sezione italiana della Fondazione Principe Alberto II per poter servire in tale veste anche a tale riguardo.

Anne Eastwood Ambasciata di Monaco, Italia
©Palazzo Quirinale

Infine, vorrei coinvolgere più attivamente la nostra Ambasciata nel monitoraggio delle attività delle organizzazioni internazionali con sede a Roma e di cui il Principato è membro, in particolare l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) e il Programma Alimentare Mondiale ( PAM). Questa componente multilaterale è stata relegata un po’ in secondo piano per due anni a causa delle difficoltà legate alla pandemia.

READ  Paola Igono, il caso che scuote lo sport italiano

Tuttavia, con la crisi globale che ora infuria e l’insicurezza alimentare che aumenta ovunque e specialmente nei Paesi più vulnerabili, è essenziale un’azione concertata delle nazioni all’interno di queste organizzazioni per aiutare le persone che soffrono maggiormente la povertà e la fame, che sono anche le prime vittime. Cambiamento climatico.

Sotto l’egida del Dipartimento delle Relazioni Esterne, il Dipartimento della Cooperazione Internazionale sta adottando misure risolute per garantire che Monaco partecipi nella sua giusta misura a questo atto di solidarietà. Spero che potremo sostenere questi sforzi nel modo migliore e più energico possibile, dando un contributo reale a questi forum e instaurando una collaborazione costruttiva con le altre delegazioni, in primo luogo le delegazioni di Italia e Francia, ma anche con le delegazioni dei due Paesi. Su queste questioni si mobilitò particolarmente la Santa Sede, e altri piccoli Stati.

Monaco e l’Italia mantengono legami molto stretti, sia per la vicinanza geografica che per la loro storia comune. Considera speciale essere ambasciatore di Monaco in Italia rispetto ad altri paesi?

Oltre alla Francia, l’Italia è l’unico paese che ha una rappresentanza diplomatica sul territorio di Monaco. Ciò indica l’importanza che ciascun Paese attribuisce alle sue relazioni con l’altro e, da questo punto di vista, è chiaro che sono molto lieto di essere chiamato a Roma per proseguire e rafforzare i distinti rapporti di amicizia e collaborazione tra di noi. Come ho detto, ci sono molti progetti in corso e molte opportunità per rafforzare partnership e scambi. Mi chiede regolarmente in questa direzione.

Ho anche la fortuna di poter contare in Italia su una rete consolare molto esperta e dinamica, che mi porta ogni giorno la sua conoscenza del settore e le sue intuizioni. È molto motivante e la mia priorità sarà ovviamente soddisfare queste prospettive promettenti. Ma il dossier dell’ambasciata comprende anche altri Paesi e la mia nomina ad ambasciatore non residente in Croazia, Romania e Slovenia, oltre che a Malta e San Marino è in attesa. Ogni paese ha le sue specificità e sfide per l’emirato e merita un’attenzione speciale.

Farò in modo di essere con tutti per rafforzare i nostri rapporti. Monaco è un piccolo Paese che esercita una grande influenza nella regione euromediterranea e sono orgoglioso di rappresentarlo in questa area geografica che offre così tante sinergie e opportunità.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *