Cosa può dirci il polline sulle prime migrazioni umane?

Cosa può dirci il polline sulle prime migrazioni umane?

C’è un mistero ricorrente che circonda le prime migrazioni umane: esattamente Quando un atto Homo sapiens Si stanno dirigendo dall’Africa verso l’Europa e l’Asia? Il periodo di temperature più calde probabilmente ha contribuito all’afflusso di persone in Eurasia, secondo A Uno studio pubblicato il 22 settembre sulla rivista Progresso della scienza. Temperature più calde e maggiore umidità potrebbero aver aiutato le foreste della regione a crescere ed espandersi verso nord nell’attuale Siberia. La teoria dipende dalla presenza di polline nei sedimenti della regione. La piaga dei moderni soggetti allergici primaverili potrebbe aver gettato le basi per la migrazione dei nostri lontani antenati in Eurasia.

[Related: Humans and Neanderthals could have lived together even earlier than we thought.]

È possibile che questo movimento sia iniziato in tre ondate in Eurasia circa 54.000 anni fa. Probabilmente anche i climi caldi e freddi hanno avuto un ruolo in questo viaggio. tè Era del Pleistocene È noto per i massicci cambiamenti climatici, inclusa la formazione di enormi calotte glaciali e ghiacciai che alla fine modellerebbero e formerebbero molte delle morfologie che vediamo oggi sulla Terra.

Per ricostruire come avrebbe potuto essere il clima durante un possibile periodo caldo tra 45.000 e 50.000 anni fa, i ricercatori lavorano su… Stare Ha creato una documentazione della vegetazione e del polline dell’era glaciale trovati intorno al lago Baikal nell’attuale regione siberiana della Russia con le tracce archeologiche più antiche. Homo sapiens Nella regione.

Per estrarre dati sulla cronologia dei pollini sono stati utilizzati carotaggi di sedimenti e lo studio suggerisce che la dispersione umana è avvenuta durante alcune delle temperature più elevate e della massima umidità del tardo Pleistocene. La presenza di polline antico, e quindi di vita vegetale, nei documenti dimostra che le foreste di conifere e le praterie potrebbero aver contenuto Sono più diffusi in tutta la regione e possono supportare il foraggiamento e la caccia da parte dell’uomo. Secondo l’autore dello studio e antropologo dell’Università del Kansas Ted Goebel, i dati ecologici combinati con le prove archeologiche raccontano una nuova storia per la regione.

READ  Bukavu: lanciata la campagna di vaccinazione contro la febbre gialla

“Ciò contraddice alcune visioni archeologiche moderne in Europa. Il fattore chiave qui è un’attenta datazione, non solo dei fossili umani e delle ossa di animali associati alle tracce di queste persone, ma anche dei documenti ambientali, compreso il polline.” Lo ha detto Goble in un comunicato. “Ciò che abbiamo fornito è una solida cronologia dei cambiamenti ambientali avvenuti nel Lago Baikal durante questo periodo di tempo, integrata da una documentazione archeologica ben datata di Homo sapiens La sua presenza nella regione”.

Mappa delle prime rotte migratorie teoriche Homo sapiens Dall’Africa attraverso l’Eurasia. Credito: Ted Goble.

Goebel ha lavorato con team di tre istituzioni giapponesi, tra cui Masami Izuho della Tokyo Metropolitan University. Durante l’analisi dei granelli di polline, il team ha scoperto Alcune potenziali connessioni Tra i dati sui pollini e la documentazione archeologica delle prime migrazioni umane nella regione. I primi esseri umani moderni in questo periodo fabbricarono strumenti di pietra nelle paludi e usarono ossa, corna e persino avorio per fabbricare strumenti.

“C’è un fossile umano proveniente dalla Siberia, anche se non dal Lago Baikal ma più a ovest, in un luogo chiamato Ust-Ishim”, ha detto Goebel. “Mortologicamente è umano, ma soprattutto è molto ben conservato. È stato datato direttamente al radiocarbonio e ha restituito DNA antico, il che conferma che è rappresentativo dell’uomo moderno.” Homo sapiensdiversi dai Neanderthal, dai Denisoviani o da altri antichi esseri umani premoderni.

[Related: World’s oldest known wooden structure pre-dates our species.]

È possibile che i primi esseri umani nella regione vivessero in famiglie nucleari estese, ma è difficile dirlo con certezza perché gran parte delle prove archeologiche si sono deteriorate nel tempo. (Ust-Ishim in Siberia). Fornisce la più antica prova conosciuta della coesistenza di esseri umani completamente moderni con altre specie umane estinte nella regione, ma la scoperta è stata una “scoperta isolata”, secondo il team.

READ  Nel villaggio segreto di Auris, il movimento "Piccola Mecca per il New Age".

“Ci mancano informazioni sul suo contesto archeologico, se fosse parte di un insediamento o semplicemente un osso solitario trascinato a valle”, ha detto Goebel. “Pertanto, collegare questo individuo ai siti archeologici nella regione del Baikal è debole: rappresentano la stessa popolazione? Pensiamo di sì, ma abbiamo sicuramente bisogno di più prove.”

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *