Contro l’apnea notturna, il Kuru Hospital offre ora la polisonnografia

Contro l’apnea notturna, il Kuru Hospital offre ora la polisonnografia

04/07/23
Contro l’apnea notturna, il Kuru Hospital offre ora la polisonnografia

Il dipartimento medico di CHK offre questo esame da novembre. L’apnea notturna, che è rafforzata dall’età e dall’aumento di peso, può causare sonnolenza diurna e favorire l’insorgenza di ipertensione, malattie coronariche o persino ictus o incidenti stradali. È spesso associato al diabete, in quanto la sua prevalenza è elevata nella Regione.

Non è noto quante persone in Guyana soffrano di apnea ostruttiva del sonno. È “una sindrome androgena abbastanza frequente, Inserme menzioni. L’incidenza della sindrome da apnea notturna aumenta quasi linearmente con l’età negli adulti: ne sono affetti il ​​7,9% delle persone di età compresa tra 20 e 44 anni, il 19,7% delle persone di età compresa tra 45 e 64 e 30 anni e il 5% delle persone di età superiore ai 65 anni. Tuttavia, questi numeri sono probabilmente sottostimati a causa della natura asintomatica della sindrome in alcune persone. “Anche se non abbiamo i numeri, la Guyana rischia di essere colpita perché oltre all’età, sovrappeso e obesità sono fattori di rischio.La sindrome delle apnee ostruttive del sonno è spesso legata al diabete, che colpisce una persona su dieci della Guyana.

L’apnea notturna, che provoca l’ipossia, provoca risvegli microscopici più o meno frequenti: da 5 a 15 all’ora nell’apnea notturna lieve e più di 30 nei casi più gravi. Oltre alla sonnolenza diurna – le persone che ne soffrono hanno più incidenti stradali e sul lavoro di altre – l’apnea notturna favorisce l’insorgenza di ipertensione, malattie coronariche, insufficienza cardiaca, frequenza cardiaca e persino accidenti cerebrovascolari (CVA). “Questi sono ictus che possono verificarsi a causa dell’ipertensione arteriosa notturna associata all’apnea notturna”, spiega il dott. Valentine Keating, cardiologo e direttore medico del CHK. Per una migliore diagnosi e cura, il servizio medico del Centro Ospedaliero di Kourou (CHK) offre da novembre la polisonnografia.

READ  Una nuova causa di acufene identificata dalla scienza

L’esame consiste nel posizionare elettrodi per misurare l’attività cerebrale, l’attività muscolare nel mento, nelle braccia e nelle gambe, l’attività cardiaca e l’attività oculare. Il paziente arriva in ospedale intorno alle 17:00 o alle 18:00. Gli mettiamo il dispositivo e la mattina dopo può tornare a casa e riprendere le sue attività, spiega il dottor Kitenji. A seconda della diagnosi, prepareremo il paziente a casa per la compensazione dell’apnea. È una maschera che facilita il processo di ossigenazione e ci trasmette i dati in tempo reale per verificare la compliance del paziente e la qualità del sonno. Poi lo rivediamo un mese dopo. Per i pazienti non idonei si agirà su fattori di rischio come consumo di tabacco, sedentarietà e fattori cardiovascolari. »

Da novembre ne hanno beneficiato una trentina di pazienti; Poi una ventina sono stati installati in casa. In genere venivano indirizzati al CHK dal loro medico generico, dal Dipartimento di Diabetologia del Cayenne Hospital o dal loro cardiologo. “Abbiamo fornito formazione a tutte le infermiere e al team medico”, continua il dottor Kitenji. Al momento proponiamo la visita in ospedale perché abbiamo un solo apparecchio e quando lo si usa a casa si rompe.

Dalle discussioni con i primi pazienti dotati del dispositivo, il dottor Kitenji osserva che mentre alcuni hanno bisogno di alcuni giorni per abituarsi al dispositivo, “alcuni poi notano un miglioramento della loro qualità di vita. Non si sentono più stanchi durante il giorno, e non si sentono più assonnati durante la guida.


Il dipartimento medico di CHK offre questo esame da novembre. Favorita dall’età e dall’aumento di peso, l’apnea notturna può causare sonnolenza diurna e favorire l’insorgenza di ipertensione, malattie coronariche o persino ictus o incidenti stradali. È spesso associato al diabete, in quanto la sua prevalenza è elevata nella Regione

READ  I gatti comprendono le leggi fondamentali della fisica

Non è noto quante persone in Guyana soffrano di apnea ostruttiva del sonno. È “una sindrome androgena abbastanza frequente, Inserme menzioni. L’incidenza della sindrome da apnea notturna aumenta quasi linearmente con l’età negli adulti: ne sono affetti il ​​7,9% delle persone di età compresa tra 20 e 44 anni, il 19,7% delle persone di età compresa tra 45 e 64 e 30 anni e il 5% delle persone di età superiore ai 65 anni. Tuttavia, è probabile che questi numeri siano sottostimati data la natura asintomatica della sindrome in alcune persone”. Anche se non abbiamo numeri, è probabile che la Guyana ne risenta perché, oltre all’età, il sovrappeso e l’obesità sono fattori di rischio. La sindrome dell’apnea ostruttiva del sonno è legata al diabete, che colpisce uno su dieci della Guyana.

L’apnea notturna ipossica porta a risvegli microscopici più o meno frequenti: da 5 a 15 all’ora nelle apnee notturne lievi, più di 30 nei casi più gravi. Oltre alla sonnolenza diurna – le persone che ne soffrono hanno più incidenti stradali e sul lavoro di altre – l’apnea notturna favorisce l’insorgenza di ipertensione, malattie coronariche, insufficienza cardiaca, frequenza cardiaca e persino accidenti cerebrovascolari (CVA). “Questi sono ictus che possono verificarsi a causa dell’ipertensione notturna associata all’apnea notturna”, spiega il dott. Valentine Keating, MD, cardiologo e chief medical officer presso CHK. Per una migliore diagnosi e gestione della malattia, da novembre il dipartimento medico del centro ospedaliero di Kourou (CHK) offre la polisonnografia.

L’esame consiste nel posizionare elettrodi per misurare l’attività cerebrale, l’attività muscolare nel mento, nelle braccia e nelle gambe, l’attività cardiaca e l’attività oculare. “Il paziente arriva in ospedale intorno alle 17 o alle 18. Gli mettiamo il dispositivo e la mattina dopo può tornare a casa e riprendere le sue attività”, spiega il dottor Kitenji.A seconda della diagnosi, prepareremo il paziente a casa per l’apnea. È una maschera che facilita l’operazione Ossigeno e ci invia dati in tempo reale per verificare l’aderenza del paziente e la qualità del sonno. Poi lo rivediamo un mese dopo. Per i pazienti non idonei, lavoreremo su fattori di rischio come come consumo di tabacco, inattività fisica e fattori cardiovascolari”.

READ  “La meteorologia è una scienza e continua ad avanzare”: un'intervista a Louis Boudin in una conferenza a Grasse

Da novembre ne hanno beneficiato una trentina di pazienti; Poi una ventina sono stati installati in casa. In genere venivano indirizzati al CHK dal medico curante, dal reparto di diabete dell’ospedale di Caen o dal cardiologo. “Abbiamo fornito formazione a tutte le infermiere e al team medico”, continua il dottor Kitenji. Al momento proponiamo la visita in ospedale perché abbiamo un solo apparecchio e quando lo si usa a casa si rompe.

Dalle discussioni con i primi pazienti dotati del dispositivo, il dottor Keating osserva che mentre alcuni hanno bisogno di alcuni giorni per abituarsi al dispositivo, “alcuni poi notano un miglioramento della loro qualità di vita. Non si sentono più stanchi durante il giorno, non più sonnolenza durante la guida.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *