Company Days 2022: “Non c’è alternativa alla globalizzazione”, secondo Matteo Renzi

Nel contesto dell’apertura, l’unico modo per mantenere la sovranità di un paese è imparare a gestire la globalizzazione.

Intervenendo nell’ambito della 36a edizione di Business Days (JES), Matteo Renziche è stato il più giovane presidente del Consiglio italiano e classificato nella cerchia dei “100 migliori pensatori del mondo”, ha avuto parole legate al saluto di amicizia italo-tunisino.

Ha notato che la Tunisia, non Parigi o Berlino, è stata la destinazione del suo primo viaggio ufficiale quando è stato nominato presidente del Consiglio italiano.

Anche Matteo Renzi considera fondamentale il rapporto tra Europa e Africa. In questo contesto, riconosce il ruolo della Tunisia nel collegamento.

Evita la trappola del protezionismo

Subito il moderatore Habbab Ajami ha chiesto a Matteo Renzi se la sovranità fosse compatibile con la globalizzazione. L’ex leader italiano non è andato lì con quattro tracce. Ha detto che non c’è alternativa alla globalizzazione.

In effetti, Renzi stava decisamente pensando alla globalizzazione usando il concetto inglese di globalizzazione. La sua certezza è che l’apertura garantisca la razionalità economica, che è un elemento essenziale. Ciò deriva dall’utilizzo ottimale dell’allocazione delle risorse, come preludio all’efficienza economica.

In caso di crisi, lo spettro di un’interruzione dell’approvvigionamento di beni essenziali come cibo o energia, o la possibilità di penuria, il Paese è in subbuglio. In queste condizioni, ci si può guadagnare il richiamo del protezionismo.

Tuttavia, l’ex presidente del consiglio sottolinea che il protezionismo porta a uno scostamento i cui risultati non possono essere misurati. È vero che un’economia gestita può dare l’impressione che le autorità pubbliche controllino la situazione economica. Ma è un sentimento illusorio.

READ  Nin-Nin, la morbida bambola bordeaux che continua a crescere

Per la sovranità, non per la sovranità

Dovremmo pensare nel quadro dei raggruppamenti regionali perché non c’è consenso globale, aggiunge Habbab Al-Ajami? Matteo Renzi afferma che il ritiro è il primo rischio politico. Perché pensare in gruppo può portare alla frammentazione. Il problema è che possiamo scivolare in una pericolosa retorica politica. La sovranità non sarà mantenuta dalla frammentazione, ma dalla connessione.

Quindi, collegare la Tunisia alla Sicilia per l’energia è un’idea promettente e parte di una visione più ampia. E non deviare da esso. Non rinchiuderti mai in uno schema identitario, perché scivolare nella supremazia diventa accettabile. È la porta aperta a tutti i pericoli.

Tutti gli articoli su Giornate aziendali 2022

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.