Coelho: Lo sciopero degli operatori sanitari e la continua insicurezza stanno interrompendo le attività sanitarie

Coelho: Lo sciopero degli operatori sanitari e la continua insicurezza stanno interrompendo le attività sanitarie

La continua insicurezza dovuta al fenomeno Mupondo e lo sciopero degli operatori sanitari stanno interrompendo le attività sanitarie nel distretto di Kwelu, preoccupando il Dipartimento sanitario distrettuale.

“Certamente, lo sciopero degli operatori sanitari va avanti qui da più di un mese… Ci sono molti intoppi, anche se ci sono alcuni rapporti positivi. Questo sciopero ha avuto un impatto negativo sulla maggior parte dei nostri indicatori sanitari per quanto riguarda alcuni malattie con andamento epidemico registrato nelle province. Ciò espone la nostra popolazione a un grave rischio di ricomparsa di alcune epidemie. “Tuttavia si stanno adottando misure per mitigare le sfide che ci attendono nel 2024. Tra queste sfide, quella igienico-sanitaria rimane una delle aree problematiche nel settore sanitario a Kwilu”, afferma il Dott. Donat Koma, capo del dipartimento. Coelho.

In diverse province della Repubblica Democratica del Congo, la recrudescenza di alcune epidemie è stata affrontata nel messaggio del primo ministro Jean-Michel Sama Lokonde durante la 112esima riunione del Consiglio dei ministri. Nel suo discorso, il capo dell'autorità esecutiva centrale ha ripreso alcuni avvertimenti sulla situazione epidemiologica nel paese per quanto riguarda la ricomparsa di alcune epidemie, in particolare la poliomielite, monitorata attorno al fiume “Pechako Chako” nel Barombo comune di Kinshasa e il morbillo. (Provincia di Koelho e Kwango). La recrudescenza dell’epidemia avviene nello stesso momento in cui la Repubblica Democratica del Congo affronta il vaiolo delle scimmie.

Jean-Marie Macoma

READ  in due posti contemporaneamente

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *