Cinema Lyon – Drammatico – “L’Envol” di Pietro Marcello: Verso il suo destino di Vincent Raymond Petit Bulletin Lyon

Dramma / Dopo l’originalissima interpretazione di “Martin Eden” nell’Italia fascista, Pietro Marcello firma un intimo affresco con tocchi hugoliani che evoca lo spettro della Grande Guerra e le meraviglie dell’elevazione attraverso l’arte. Un racconto realistico ben realizzato, con un’interpretazione sontuosa.


Al ritorno dalle trincee, il soldato Rafale scopre in campagna che sua moglie è morta, lasciandolo con una bambina, Juliet. Sebbene abbia l’oro tra le dita e sia in grado di ottenere tutto ciò che vuole da un pezzo di legno, Rafal viene stranamente respinto dagli abitanti del villaggio. Come tutti i fuorilegge e gli apolidi della zona, padre e figlia trovano felicemente rifugio presso Madame Adeline dove Juliet cresce indigente ma circondata dall’affetto mentre impara la musica. E in attesa che si compia la profezia della strega locale: che una nave dalle vele rosse salperà da questo villaggio maledetto.

Leggi anche: Londra, Italia: “Martin Eden”


Con i suoi scatti in tinte sbiadite che ricordano le originali varietà Lumiere, involontariamente È senza dubbio un film d’altri tempi o, più precisamente, un’opera che sa accogliere i suoi spettatori nell’unicità del suo dispositivo: una storia realistica senza tempo dove un giorno L’iniziale verrà sostituita con foto d’archivio a colori. Se si sospetta che ragioni economiche abbiano motivato il contesto colpi di riserva Piuttosto che costose ricostruzioni, questa apertura si basa su una storia autentica (ma misteriosa) che impregna l’intera storia di un’aura spettrale che consente una digressione verso il fantastico o addirittura musicale.

Giulietta o chiave di violino

Come ha fatto nel suo film precedente Patchwork Martin EdenE Pietro Marcello Qui intreccia diversi stili, pur abbracciando forme eterogenee. Un dramma sociale molto notevole nella sua prima parte, involontariamente Attraverso la posizione di Raval, si concentra sul destino dei volti materialmente o moralmente distrutti della prima guerra mondiale, i fantasmi con cui non sappiamo cosa fare e che portano la colpa di coloro che non sono andati al fronte. Il regista mette insieme lunghe fotografie dei reciproci volti, cercando di catturare gli sguardi, le pieghe del viso, i dettagli dell’abbigliamento o dell’arredamento e lo zeitgeist; Risentimenti e segreti in agguato lì dentro possono essere intuiti, aspettando il momento giusto per irrompere allo scoperto. Queste sequenze ambigue saranno gradualmente sostituite da quelle in cui Juliet si sviluppa da ragazzina e poi da giovane donna che trova la sua indipendenza nella musica, nella natura circostante che sembra risvegliarsi da un lungo torpore sul suo legame.

READ  Cristina Comincini: "Il concetto di commedia in Italia non ha lo stesso significato che in Francia"

Questa atmosfera brillantemente composta sarebbe stata vana se gli eroi non fossero stati così ben delineati, affidati ai loro interpreti che portano, inoltre, il nome del loro personaggio. Pietro Marcelo ha avuto davvero una doppia impressione qui. Il primo era vedere Raffaele Tahiriche il cinema aveva fino ad allora relegato a vaghe utilità o a secondi ruoli per grassi selvaggi, ha restituito tutta la delicatezza e la tenerezza della sua partitura musicale, plausibile traduzione di Jean Valjean all’alba del XXH sicli. Il secondo è una splendida scoperta d’esordio che unisce audacia, destrezza e talento vocale (bisogna assaporarne fino all’ultima nota il timbro cristallino nei titoli di coda con ingoiare, Adattato da una poesia di Louise Michel). giulietta juan Attraverso i suoi numeri lirici, il film presenta momenti di ariosa purezza ancor prima dell’irruzione del suo principe azzurro, che cade dal cielo interpretando il pilota. Louis Giarrell. Infine, l’avvolgente lirismo della colonna sonora di Gabriel Yarde contribuisce al generale senso di elevazione che prova di fronte alla drammatica progressione del suo personaggio che si libera dalla gravità terrena. Possiamo parlare di grazia.

★★★★ ☆ Un volo
film chi
e Pietro Marcello(Fr-It, 1h40)Con Rafal Thierry, Juliette Joanne e Louis Jarel

https://www.youtube.com/watch?v=NAx_EULTParrucca

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.