Cile | Un agente di polizia è agli arresti dopo l’uccisione di un artista di strada e le proteste che scuotono il Paese

(Panguipoli) Un agente di polizia cileno è stato arrestato sabato dopo che un artista di strada è stato ucciso venerdì in una piccola città nel sud del paese, un incidente che ha scatenato violente proteste e scatenato un’ondata di rabbia nel paese.


France Media

Il poliziotto, arrestato venerdì, è comparso davanti a un tribunale, che ha deciso durante una seduta trasmessa su Internet di tenerlo in detenzione fino a lunedì. L’accusa presenterà le sue accuse lo stesso giorno e aprirà un’indagine sul caso.

L’agente ha sparato al ciarlatano almeno quattro volte durante un controllo d’identità, in pieno giorno, in una strada trafficata di Panguipulli, cittadina di circa 30mila abitanti situata 850 chilometri a sud della capitale Santiago.

Foto di Reuters

Venerdì nel comune di Panguipulli sono scoppiati incendi pubblici.

Testimoni chiamati alla polizia e sono scoppiati incidenti violenti. Centinaia di manifestanti hanno appiccato il fuoco a diversi edifici, uno dei quali è stato dato alle fiamme, e hanno istituito posti di blocco nelle strade fino a quando la polizia antisommossa non ha risposto con gas lacrimogeni e cannoni ad acqua, secondo quanto riferito e immagini pubblicate dai media locali.

L’incidente è avvenuto quando l’artista ha rifiutato di essere esaminato da due agenti di polizia.

La discussione si intensificò. Uno degli agenti gli ha prima sparato ai piedi, poi gli ha sparato di nuovo quando il giovane gli è piombato addosso, secondo le foto pubblicate sui social media e sui canali locali.

Il ministro dell’Interno cileno Rodrigo Delgado ha ordinato un’indagine approfondita sugli eventi e ha condannato l’incendio di edifici pubblici. “Siamo profondamente dispiaciuti che un’operazione di polizia si concluda con la perdita di vite umane”, ha detto da Santiago.

READ  Tempesta Elsa: New York allagata in alcuni punti

“Ci rammarichiamo per la morte di questo piccolo stregone”. Ricardo Valdivia, sindaco di Panguipoli, ha detto alla stazione radio locale Coprativa, “Spero che sarà servita giustizia”. Ha detto ai media locali che era una “persona pacifica” che vive per le strade.

Da parte loro, la polizia locale ha sostenuto l’agente che ha sparato, dicendo che ha agito “per legittima difesa”.

La polizia cilena è stata criticata per il suo uso eccessivo della forza quando un’ondata di proteste senza precedenti è scoppiata nel paese nell’ottobre 2019. Un gruppo di esperti ha presentato una proposta di riforma delle forze di polizia, che è attualmente all’esame della polizia cilena. .

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *