Boeing non riparerà la perdita sullo Starliner prima del decollo

Boeing non riparerà la perdita sullo Starliner prima del decollo

Il primo volo spaziale con equipaggio della navicella Starliner della Boeing, che è stato rinviato più volte, si sta preparando per il decollo il 1° giugno senza riparare la perdita di elio scoperta sulla navicella, hanno annunciato venerdì la società americana e la NASA.

Il lancio di questa missione verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), estremamente importante per Boeing e attesa da anni, è stato rinviato più volte.

Il decollo è stato annullato all’ultimo momento il 6 maggio scorso – mentre i due astronauti dell’equipaggio erano già legati all’aereo – a causa di un problema alla valvola del razzo, che ora è stato riparato.

La NASA ha poi annunciato di aver rilevato una “piccola perdita di elio” sulla nave. Boeing ha spiegato che nel sistema di propulsione della nave viene utilizzato l’elio e ha detto che sta lavorando per risolvere il problema con la NASA.

Ma i funzionari hanno detto ai giornalisti che Boeing e la NASA avevano deciso di far decollare la navicella senza ripararla.

“Siamo in grado di gestire questa perdita, anche se il tasso è 100 volte maggiore”, ha affermato Steve Stich, un alto funzionario della NASA.

Ha spiegato che il problema riguarda solo uno dei 28 motori che comandano la nave, aggiungendo che alcuni voli sono già stati effettuati con perdite simili.

Mark Nappi, manager della Boeing, gli assicurò che riparare la perdita sarebbe stata un’operazione “abbastanza complessa” e avrebbe richiesto lo smantellamento della nave.

Invece di ripararlo, i team della NASA lo monitoreranno da vicino diverse ore prima del decollo previsto per il 1 giugno alle 12:25 (16:25 GMT) in Florida.

READ  Confronto grafico di GTA: The Trilogy

Boeing sta svolgendo un ruolo importante in questa missione di test finale, che dovrebbe consentirle di dimostrare che la sua nave è sicura prima di iniziare le missioni regolari sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), quattro anni indietro rispetto a SpaceX.

Per la NASA, che ha ordinato questo veicolo dieci anni fa, anche i rischi sono alti: avere un secondo veicolo, oltre a quello di SpaceX, per trasportare gli astronauti americani, permetterebbe di rispondere meglio a “diversi scenari di emergenza”, secondo Ad esempio, se si verifica un problema su una nave.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *