Birmania: Suu Kyi è accusato e si moltiplicano gli appelli alla disobbedienza civile

La leader birmana Aung San Suu Kyi è stata accusata mercoledì, due giorni dopo essere stata estromessa da un colpo di stato militare, mentre aumentano le richieste di disobbedienza civile.

Leggi anche: Birmania: Pechino chiede “di non complicare la situazione”

Leggi anche: Birmania: il segretario generale delle Nazioni Unite chiede pressioni per il fallimento del colpo di stato

Leggi anche: Facebook afferma che i suoi servizi sono “inattivi” in Birmania

Lunedì i militari hanno interrotto bruscamente la fragile transizione democratica del paese, dichiarando lo stato di emergenza di un anno e arrestando Suu Kyi, 75 anni, il capo de facto del governo civile, e altri funzionari del suo partito, la Lega nazionale per la democrazia (LND) . .

L’ex leader è stata accusata di “violazione della legge sull’importazione / esportazione” e “il tribunale ha ordinato la sua custodia cautelare” fino al 15 febbraio, secondo Ki Tu, portavoce della Lega nazionale per la democrazia.

Secondo Kyi Toe, l’ex presidente Win Myint, anche lui arrestato, è sotto processo per aver violato il Natural Disaster Management Act.

Secondo il partito, sono state effettuate incursioni in varie sedi del movimento e sono stati sequestrati documenti.

Due giorni dopo questo colpo di stato, condannato da molte capitali straniere, sono comparsi i primi segni di resistenza.

Medici e operatori sanitari, che indossavano nastri rossi (il colore della Lega Nazionale), si sono rifiutati di lavorare, tranne in casi di emergenza medica. “Obbediremo solo al governo democraticamente eletto”, ha detto Aung San Min, capo di un ospedale da 100 posti letto a Magway (centro) mentre i militari sfidano le elezioni legislative di novembre, che l’NLD ha vinto a stragrande maggioranza.

READ  Referendum La Svizzera vieta di coprire i volti nei luoghi pubblici

Il personale medico dello Yangon General Hospital si è riunito davanti alla struttura e ha salutato tre dita, un gesto di resistenza già adottato dagli attivisti pro-democrazia a Hong Kong o in Thailandia.

Un gruppo, il “Movimento per la disobbedienza civile”, è stato lanciato su Facebook, con circa 160.000 iscritti. Si potrebbe leggere “Vergogna all’esercito”, “I soldati sono ladri”.

Martedì sera, nel quartiere commerciale di Rangoon, la capitale economica, i residenti hanno suonato i loro clacson, picchiato su pentole e padelle, e alcuni hanno cantato: “Viva mamma soo!” (Su Kyi).

Intuendo gli eventi, quest’ultimo, che ora sarà agli arresti domiciliari nella capitale, Naypyidaw, ha esortato i residenti a non “accettare” il colpo di stato in una lettera pre-scritta.

Ma la paura della vendetta è ancora forte in un paese che ha vissuto, sin dalla sua indipendenza nel 1948, sotto il giogo della dittatura militare per quasi 50 anni.

“La popolazione sa molto bene come i militari possono essere violenti e si preoccupa poco della sua reputazione internazionale”, ha detto Francis Wade, autore di libri sul paese.

avvertimento

Le autorità hanno già lanciato un monito contro qualsiasi discorso che “possa incoraggiare rivolte o una situazione instabile”.

Il colpo di stato, che il generale Min Aung Hlaing ha considerato “inevitabile”, ha scatenato una serie di condanne internazionali.

Dopo aver minacciato di imporre nuove sanzioni, l’amministrazione Joe Biden ha rilanciato nuovamente la retorica contro la Birmania, primo grande test internazionale per il nuovo presidente degli Stati Uniti.

Un funzionario americano ha detto che Suu Kyi e Win Myint sono stati “rovesciati da un colpo di stato militare”. Questa qualifica legale impedisce gli aiuti forniti allo stato di Washington in Birmania, che si dice sia stato “disturbato” mercoledì dall’accusa alla signora Suu Kyi e dalla chiamata dell’esercito a tutti i leader imprigionati.

READ  Presto potremo dormire nella casa del killer del silenzio degli innocenti.

Ma la risposta degli Usa resta principalmente simbolica: l’esercito birmano è già sanzionato dai suoi abusi nel 2017 commessi dai suoi soldati contro la minoranza musulmana Rohingya, una crisi che ha portato gli investigatori Onu ad accusare la Birmania di “genocidio”.

Alleato cinese

Martedì il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito con urgenza ea porte chiuse, ma non è riuscito a concordare un testo comune. Le trattative sono ancora in corso, secondo un diplomatico, che ha chiesto l’anonimato.

Per essere adottata, la dichiarazione richiede il sostegno della Cina, che esercita il suo potere di veto come membro permanente del Consiglio di sicurezza.

Tuttavia, Pechino rimane il principale sostegno alla Birmania nelle Nazioni Unite, poiché la Cina ha sventato qualsiasi iniziativa durante la crisi dei Rohingya, ritenendo che il conflitto con la minoranza musulmana fosse solo un affare interno della Birmania.

Mercoledì, un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha invitato la comunità internazionale a “creare un ambiente esterno sano in modo che la Birmania possa risolvere adeguatamente le sue divergenze”, affermando che qualsiasi intervento del Consiglio di sicurezza dovrebbe “evitare di esacerbare le tensioni e complicare la guerra”. Secondo la nuova agenzia statale cinese.

I ministri degli esteri del G7 si sono detti “molto preoccupati” per gli eventi, così come il Fondo monetario internazionale, “estremamente preoccupato” per il loro potenziale impatto sull’economia del Paese, già colpita dall’epidemia di Coronavirus (oltre 140.000 casi e 3.100 contagi (le morti registrate).

La National League for Democracy ha chiesto a Facebook l’immediato “rilascio” di Aung San Suu Kyi, 75 anni, e degli altri suoi funzionari. Un portavoce del partito ha detto che non è stato stabilito alcun contatto diretto con Suu Kyi, sebbene i vicini l’hanno vista camminare nel giardino della sua casa fortificata ufficiale.

READ  Il Pentagono purifica i comitati consultivi degli alleati che Trump ha nominato

L’esercito ha promesso di tenere nuove elezioni una volta che lo stato di emergenza sarà revocato di un anno.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *