Bielorussia | Lukashenko dice di aver sventato un tentativo di “colpo di stato” americano

(Minsk) Il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha affermato di aver sventato un tentativo di “colpo di stato” e “assassinio” contro di lui e la sua famiglia, pianificato dagli Stati Uniti, annunciando l’arresto di due persone con l’aiuto di Mosca.


France Media

Alexander Lukashenko, che governava questa ex repubblica sovietica senza partecipazione dal 1994, ha affrontato mesi fa un movimento di protesta senza precedenti nella sua portata, un appello contro la sua rielezione, considerato fraudolento lo scorso agosto.

Questo movimento ha riunito decine di migliaia di persone in numerose occasioni per le strade di Minsk e di altre città prima di essere gradualmente esaurito di fronte alla continua repressione delle autorità. La maggior parte delle figure dell’opposizione furono imprigionate o costrette all’esilio.

I servizi di sicurezza bielorussi, il KGB, hanno annunciato venerdì sera di aver smantellato, durante una “operazione speciale”, “un gruppo organizzato con orientamento terroristico” che prevedeva “la liquidazione fisica del presidente e della sua famiglia” e “un’organizzazione armata”. . Ribellione per prendere il potere con mezzi violenti. “.

Secondo Lukashenko, due cittadini bielorussi sono stati arrestati a Mosca dalle forze di sicurezza russe (FSB): lo scienziato politico Alexander Fedota e l’avvocato Yuri Zinkovich, anch’egli titolare della cittadinanza statunitense.

“Abbiamo arrestato il gruppo, ci hanno mostrato come avevano pianificato tutto, e sono rimasti in silenzio. Poi abbiamo scoperto chiaramente il lavoro dei servizi di intelligence stranieri, molto probabilmente la CIA e l’FBI”, ha detto il signor Lukashenko in un video pubblicato dal presidenza.

Né la Russia né gli Stati Uniti hanno commentato le accuse di Lukashenko.

READ  L'indagine sull'assalto al Campidoglio | L'ex capo dello staff di Trump a testimoniare

La leader dell’opposizione bielorussa, Svetlana Tikhanovsky, rifugiata in Lituania, ha condannato da parte sua “la provocazione dei servizi di sicurezza russi e bielorussi, poiché i cittadini della Bielorussia e degli Stati Uniti venivano addestrati”.

“È necessario astenersi dal prendere decisioni e giungere a conclusioni affrettate che danneggiano gli interessi nazionali e la sovranità e l’indipendenza della Bielorussia”, ha detto nel suo servizio stampa.

Nonostante le sanzioni europee e americane contro Alexander Lukashenko e alti funzionari del suo governo, il presidente bielorusso, con il sostegno di Mosca, non ha mostrato alcun segno di apertura al movimento di protesta, ma al contrario, ha rafforzato la repressione.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *