Biden ordina all'esercito americano di aprire un porto a Gaza per fornire aiuti umanitari

Biden ordina all'esercito americano di aprire un porto a Gaza per fornire aiuti umanitari

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden annuncerà giovedì al Congresso di aver ordinato alle forze armate statunitensi di stabilire un porto a Gaza per fornire più aiuti umanitari via mare ai territori palestinesi assediati da Israele, secondo quanto riferito da alti funzionari.

• Leggi anche: Il governo di Hamas afferma che Israele ha restituito a Gaza decine di corpi riesumati

• Leggi anche: Gaza: Khan Yunis si trasforma in rovina

• Leggi anche: Discussione sulla tregua: la delegazione di Hamas lascia il Cairo e i negoziati riprenderanno la prossima settimana

“Stasera, il presidente annuncerà nel suo discorso sullo stato dell'Unione di aver ordinato all'esercito americano di condurre una missione di emergenza per stabilire un porto a Gaza”, ha detto ai giornalisti un alto funzionario americano.

Ha aggiunto che questo porto dovrebbe essere in grado di accogliere grandi navi che trasportano “cibo, acqua, medicine e riparo temporaneo”.

“La componente principale sarà una banchina temporanea”, ha aggiunto, e questo porto fornirà una capacità equivalente a “centinaia di camion umanitari aggiuntivi al giorno”.

Alti funzionari hanno affermato che questa operazione “richiederà diverse settimane per essere pianificata e attuata” e si prevede che includa un corridoio marittimo per portare aiuti via mare dall’isola di Cipro.

Hanno sottolineato che ciò non significa che le forze americane saranno presenti a Gaza.

“L’esercito americano ha capacità uniche. “Possono fare cose straordinarie dal mare”, ha detto un altro funzionario.

L'annuncio, arrivato il giorno del discorso chiave del presidente sullo stato dell'Unione, sottolinea le pressioni che Joe Biden deve affrontare riguardo al sostegno degli Stati Uniti a Israele, alla luce della crisi umanitaria in corso a Gaza.

READ  Ucraina: funzionario russo a Solidar, due villaggi occupati dai russi

Giovedì gli Stati Uniti e la Giordania hanno effettuato un terzo lancio di aiuti a Gaza nell’arco di una settimana, ma l’efficacia dei lanci è stata limitata.

Secondo le Nazioni Unite, la carestia è “quasi inevitabile” per circa 2,2 milioni di abitanti di Gaza, la stragrande maggioranza della popolazione, dove gli aiuti umanitari attualmente arrivano solo in piccole quantità.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *