Attracco della navicella spaziale russa Soyuz alla Stazione Spaziale Internazionale

Attracco della navicella spaziale russa Soyuz alla Stazione Spaziale Internazionale

(Mosca) – L'agenzia spaziale russa Roscosmos ha annunciato tramite l'applicazione Telegram che la navicella spaziale Soyuz, decollata due giorni fa con a bordo il primo astronauta bielorusso della storia, Marina Vasilevskaya, ha attraccato oggi, lunedì, alla Stazione Spaziale Internazionale.


L'equipaggio della Soyuz MS-25 è composto dall'astronauta americana Tracy Dyson, dall'esperto cosmonauta russo Oleg Novitsky e dalla 33enne Marina Vasilevskaya.

Roscosmos ha affermato che Tracy Dyson trascorrerà 184 giorni in orbita, mentre i suoi colleghi torneranno sulla Terra il 6 aprile, dopo 14 giorni nello spazio.

La navicella spaziale è decollata sabato dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, dopo che il primo test era stato annullato all'ultimo minuto all'inizio della settimana.

Questo rinvio, annunciato mentre il razzo era sulla rampa di lancio, è stato considerato una nuova battuta d'arresto per il settore spaziale russo, che soffre da anni a causa di problemi finanziari, fallimenti imbarazzanti e scandali di corruzione.

Negli ultimi mesi tre veicoli spaziali russi attraccati nella parte russa della Stazione Spaziale Internazionale hanno subito perdite di refrigerante. Ad agosto, la prima sonda russa inviata sulla Luna dall'Unione Sovietica si schiantò sulla superficie lunare.

Il settore spaziale russo è anche limitato dalla mancanza di innovazione, con la maggior parte dei suoi sistemi che si basano su tecnologie sovietiche generalmente affidabili, ma obsolete.

Dopo la fine del programma shuttle statunitense nel 2011, i razzi Soyuz avevano il diritto esclusivo di effettuare voli con equipaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il lucroso monopolio di Roscosmos, che però è terminato nel 2020 con l'arrivo della società privata SpaceX del miliardario Elon Musk.

READ  Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder's Revenge del Quebec raggiunge il milione di copie vendute

Anche la cooperazione spaziale russo-occidentale è stata influenzata dall’attacco russo all’Ucraina e dalle sanzioni che ne sono seguite. La Stazione Spaziale Internazionale costituisce uno dei rari ambiti di cooperazione ancora in corso tra Mosca e Washington.

Ma la Russia vuole porre fine alla sua partecipazione alla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024 per concentrarsi sulla costruzione della propria stazione spaziale.

You May Also Like

About the Author: Adriano Marotta

"Pluripremiato studioso di zombi. Professionista di musica. Esperto di cibo. Piantagrane".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *