Attacco Mosca: la Russia conferma che gli attentatori sono legati ai “nazionalisti ucraini”

Attacco Mosca: la Russia conferma che gli attentatori sono legati ai “nazionalisti ucraini”

Gli investigatori russi hanno confermato giovedì che gli autori dell'attacco avvenuto alla periferia di Mosca e che ha portato alla morte di 143 persone avevano “legami con i nazionalisti ucraini” e che avevano ricevuto “ingenti” somme di denaro dall'Ucraina.

• Leggi anche: Russia: serie di arresti di giornalisti dei media indipendenti

• Leggi anche: Sale a 143 il bilancio delle vittime dell'attentato di Mosca

• Leggi anche: Attacco Mosca: ottavo sospettato in custodia cautelare

Il gruppo jihadista dello Stato islamico ha rivendicato l'attacco, avvenuto venerdì sera al municipio di Crocus, ma le autorità russe hanno insistito per diversi giorni sul fatto che esistesse una traccia ucraina. Da parte sua, Kiev nega qualsiasi coinvolgimento in questo omicidio.

“Lavorare con i terroristi detenuti, esaminare i dispositivi tecnici sequestrati e analizzare le informazioni relative alle transazioni finanziarie ha permesso di ottenere prove dei loro legami con i nazionalisti ucraini”, ha affermato il Comitato di Difesa sull'applicazione Telegram.

Secondo l’organismo responsabile delle principali indagini penali, i quattro aggressori hanno ricevuto “ingenti somme di denaro e criptovalute dall’Ucraina, che sono state utilizzate per preparare questo crimine”.

Gli investigatori hanno anche annunciato l'arresto di un nuovo sospettato accusato di aver partecipato al “finanziamento” dell'attentato.

Le autorità avevano precedentemente annunciato l'arresto di 11 persone, compresi i quattro presunti aggressori. Otto di loro sono stati denunciati e posti in custodia cautelare.

Venerdì alcuni uomini armati hanno attaccato una sala da concerto alla periferia della capitale russa, aprendo il fuoco sugli spettatori e provocando un vasto incendio. Questo attacco, il più sanguinoso avvenuto in Russia negli ultimi 20 anni, ha ucciso almeno 143 persone e ne ha ferite altre 360, compresi bambini.

READ  La Polonia vuole che la Germania dia missili Patriot all'Ucraina

Secondo il presidente Vladimir Putin, i quattro aggressori sono stati arrestati nella regione russa di Bryansk mentre cercavano di fuggire in Ucraina, dove è stata allestita una “finestra” che permette loro di attraversare il confine sul lato ucraino.

Il direttore dei servizi di sicurezza russi (FSB), Alexander Bortnikov, ha confermato che i servizi segreti ucraini e occidentali hanno “facilitato” l'attacco.

L'Ucraina nega fermamente ogni coinvolgimento in questo massacro, e accusa Mosca di voler “scaricare la colpa” su Kiev. Gli Stati Uniti hanno affermato di aver avvertito la Russia a marzo della possibilità di un attacco terroristico contro grandi raduni a Mosca.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *