Attacco in Russia: “È una guerra che si autoalimenta”, dice un ex ambasciatore canadese.

Attacco in Russia: “È una guerra che si autoalimenta”, dice un ex ambasciatore canadese.

Sebbene il presidente russo abbia finalmente ammesso, più di 48 ore dopo, il coinvolgimento degli “islamisti radicali” nell'attacco di Mosca, Vladimir Putin continua a puntare il dito contro “coloro che stanno conducendo una guerra contro di loro”. [son] il Paese dal 2014, [soit] Popolo del regime neonazista a Kiev.

• Leggi anche: Attacco di Mosca: Putin riconosce un attacco “islamico” ma punta ancora a Kiev

• Leggi anche: Attacco Mosca: l’Isis nutre da tempo rancore contro la Russia

• Leggi anche: Attacco Mosca: Putin ignora l'Isis per meglio mettere a tacere i suoi critici

Tuttavia, l’ex ambasciatore che ha servito anche il Canada nella capitale russa, Ferry de Kerkhof, non ha dubbi che le azioni dei terroristi che hanno provocato 139 morti e 182 feriti portano le impronte dell’Isis.

“Gli americani li avevano avvertiti, ma Putin voleva assolutamente provare a collegare l'Ucraina a questo problema, anche solo per nutrire il suo pubblico”, ha detto in un'intervista a Le Bellin.

Secondo l’ex diplomatico “il popolo russo si chiede come il grande Putin potrà proteggerlo da tutti questi attacchi”.

De Kerkhof sottolinea che i rapporti tra ISIS e Russia sono sempre stati tesi. Inoltre, “i danni peggiori all’Isis sono stati causati dai russi, in particolare durante i tre attacchi a Palmira in Siria”.

Del resto, l'attentato mortale di venerdì scorso a Mosca non è il primo ad essere rivendicato dagli estremisti islamici.

Il pensionato conferma che «è una guerra che si perpetua». “L’Isis ha compiuto attacchi in Russia nel 2016, 2017, 2018 e 2019, e ora sta ricominciando”.

Nonostante gli sforzi congiunti della comunità internazionale per eliminare il movimento estremista islamico in Siria, de Kerchekhof afferma che sembra esserci una bolla terroristica che esiste ancora nel Khorasan, nell'Asia centrale, nelle ex repubbliche islamiche dell'Unione Sovietica.

READ  Trump potrebbe riprendere a commentare pubblicamente uno dei suoi processi

Ha aggiunto: “Questi sono i responsabili dell’uccisione di 13 soldati americani durante l’evacuazione dall’Afghanistan”. “È un regime molto crudele e potente, e non sorprende che la Russia voglia liberarsene, ma non è ancora finita”.

***Guarda l'intervista completa con Ferry de Kerchekhof nel video qui sopra***

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *