Attacchi del 7 ottobre: ​​il capo dell'intelligence militare israeliana si dimette

Attacchi del 7 ottobre: ​​il capo dell'intelligence militare israeliana si dimette

Il capo dell'intelligence militare israeliana, il generale Aharon Haleva, si è dimesso, accettando la sua “responsabilità” per non aver impedito l'attacco senza precedenti compiuto dal gruppo islamico palestinese Hamas il 7 ottobre in Israele, ha annunciato l'esercito israeliano.

• Leggi anche: Ha predetto l'attentato del 7 ottobre: ​​un'ex spia del Mossad si preoccupa per il futuro

• Leggi anche: Sofferenza, morte e distruzione: la pace tra Israele e palestinesi sembra più lontana che mai

È il primo funzionario politico o militare israeliano a dimettersi dopo la sanguinosa incursione compiuta dai combattenti di Hamas, che sorprese Israele il 7 ottobre, il giorno più sanguinoso nella storia dello Stato israeliano dalla sua fondazione nel 1948.

L’esercito ha affermato in un comunicato stampa che il generale Halifa “ha chiesto, in coordinamento con il capo di stato maggiore, di porre fine alle sue funzioni”. “È stato deciso che il generale Haleva si dimetterà e si ritirerà dall'esercito non appena sarà nominato il suo successore.”

“Il 7 ottobre 2023, Hamas ha effettuato un attacco a sorpresa e mortale contro lo Stato di Israele (…) e i servizi segreti sotto il mio comando non hanno portato a termine la missione assegnataci”, ha dichiarato il generale Haleva, che ha 38 anni. del servizio militare, si legge in un messaggio. Le sue dimissioni sono state pubblicate dall'esercito israeliano.

Da allora porto con me quel giorno oscuro. Giorno dopo giorno, notte dopo notte. E aggiunge: “Sopporterò questo dolore terribile per sempre”.

L'attacco di Hamas del 7 ottobre ha ucciso 1.170 persone, la maggior parte delle quali civili, secondo un censimento condotto dall'Agence France-Presse sulla base di dati ufficiali israeliani.

READ  La centrale nucleare di Zaporizhia è di nuovo fuori rete

In risposta, Israele ha lanciato un'operazione militare nella Striscia di Gaza, guidata da Hamas, e ha promesso di annientare il movimento palestinese, i cui commando hanno anche preso 250 ostaggi a Gaza il 7 ottobre, circa un centinaio dei quali sono stati rilasciati durante la tregua al termine della guerra. di novembre. .

Secondo il Ministero della Sanità di Hamas, le operazioni israeliane a Gaza hanno provocato più di 34.000 morti, la maggior parte dei quali donne e bambini.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *