Al confine con la Romania, un hotel di lusso serve gli sfollati ucraini

La Festival Hall dell’Hotel Mandachi, vicino al confine rumeno-ucraino, è stata trasformata in un centro di accoglienza di emergenza. Sotto le dorature e i lampadari, gli sfollati ucraini riposano per alcuni giorni prima di riprendere il viaggio verso altri paesi dell’Unione Europea. Dalla sua apertura il 24 febbraio, inizio dell’attacco russo all’Ucraina, circa 1.500 persone sono passate da questo hotel di lusso.

Leslie Carretero, corrispondente speciale a Seret, Romania.

Lontano dal centro della città di Suceava, a una quarantina di chilometri dal confine orientale rumeno-ucraino, l’imponente facciata dell’Hotel Mandachi è visibile da lontano. Costruito lungo una strada, l’edificio di cinque piani trasuda modernità e lusso. Costruito nel 2020, il posto detiene 4 stelle e presenta l’architettura sovietica degli edifici cittadini.

Sotto il sito, dove si trova il municipio, l’eccitazione ha raggiunto il culmine il 3 marzo. Dietro la porta, con maniglie color oro, un trambusto sfugge dall’androne. Dal 24 febbraio e dallo scoppio della guerra in Ucraina, il famoso uomo d’affari rumeno Stefan Mandashi ha trasformato questa enorme stanza in un dormitorio per senzatetto ucraini.

Circa 1.500 esiliati furono accolti nel Mandachi

Giorno e notte, decine di persone spingono la porta di questo hotel per approfittare del tetto. L’annuncio di aver aperto gli esiliati è stato pubblicato sulla pagina Facebook del direttore e trasmesso da cittadini e operatori umanitari al posto di frontiera di Siret, nella Romania occidentale.

>> per (ri)leggere: Rapporto: In Romania, la piccola città di confine di Siret si mobilita per far fronte agli arrivi dall’Ucraina

READ  Presto un fondo sovrano per gestire le entrate del gas - Jeune Afrique

In soli 10 giorni, circa 1.500 uomini e donne sono passati attraverso il tempio. Questo giovedì erano circa 300 persone ma il numero varia a seconda degli arrivi e delle partenze. “Avevamo fino a 600 persone contemporaneamente”, afferma Stephane Mandashi. Il giovane milionario non distoglie mai gli occhi dal telefono, che continua a squillare.

Le donne scelgono i vestiti a loro disposizione. Credito: Informazioni Immigrati

Il luogo, solitamente utilizzato per i matrimoni, assume l’aspetto di un centro di accoglienza di emergenza. Al piano terra, i banchi dei due ricevimenti sono ricoperti di prodotti alimentari e igienici a disposizione degli esuli. In cima alle scale, sotto i lampadari e le dorature, centinaia di materassi sono sparsi sul pavimento. I fogli annotati sono posti con la scritta “Free” (disponibile in francese) sui letti non occupati. Sulla piattaforma sormontata da una palla da discoteca, tonnellate di vestiti sono ammucchiati. Gli ucraini devono solo aiutare se stessi.

Nell’improvvisata area giochi per i più piccoli, i bambini si divertono con cerchi, Lego o carte. Le loro madri li osservano da lontano e i loro lineamenti sono disegnati. Altri bambini hanno dormito nonostante la lite. Gli adolescenti non distolgono lo sguardo dagli smartphone connessi ai social network.

I bambini si divertono nell'area giochi.  Credito: Informazioni Immigrati
I bambini si divertono nell’area giochi. Credito: Informazioni Immigrati

luogo di transito

Maria, parlando con sua nonna. Questa giovane donna sui vent’anni dai capelli viola era appena atterrata poche ore prima al Mandashi Hotel, con uno zaino come unico bagaglio. “Ho preso solo ciò che era necessario, non avevo molto tempo”, spiega questo studente di Zaporizhia, nel sud-est dell’Ucraina. Maria spera di salire sull’autobus il prima possibile per la Germania, dove vive suo fratello. “Non so quanto durerà il viaggio, preferirei non pensarci”, ha detto, avvolta in una trapunta.

READ  Polemiche in Italia dopo che Dmitry Medvedev ha chiesto la "punizione" del governo alle elezioni
Circa 1.500 persone sono state accolte nell'hotel da quando è stato aperto per gli esuli.  Credito: Informazioni Immigrati
Circa 1.500 persone sono state accolte nell’hotel da quando è stato aperto per gli esuli. Credito: Informazioni Immigrati

Gli sfollati come lei non restano più di qualche giorno nell’edificio. Alcuni si fermano solo un’ora o due per riposarsi, poi riprendono il viaggio. La stragrande maggioranza di coloro che sono arrivati ​​in Romania – circa 140.000 dal 24 febbraio, di cui oltre 70.000 a Siret – non si stabilisce nel Paese e raggiunge parenti in Italia, Germania, Spagna o Francia.

Stefan Mandaci è un famoso uomo d'affari rumeno.  Credito: Informazioni Immigrati
Stefan Mandaci è un famoso uomo d’affari rumeno. Credito: Informazioni Immigrati

Una quarantina di volontari ruotano 24 ore al giorno per dire loro quale mezzo di trasporto possono prendere per il resto del loro viaggio. Inoltre accolgono le persone, spostano i bagagli, cambiano le lenzuola o distribuiscono cibo.

Stefan Mandashi gli assicura che il suo hotel di lusso rimarrà aperto per tutto il tempo necessario. “Dipende tutto dalla guerra. Se i combattimenti continuano, continueremo ad accogliere il popolo. È importante mostrare solidarietà agli ucraini in questo momento”, crede, prima di partire il più rapidamente possibile per dare una mano. .

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.