11:27 – L’Unione Europea raddoppierà le sue sanzioni nonostante il loro scarso impatto

Russia, Venezuela, Hong Kong e Bielorussia: all’incontro di lunedì a Bruxelles, i ministri degli esteri dell’Unione europea daranno un giro di vite alle violazioni dei diritti umani in questi paesi e diranno di essere “pronti” a punire il colpo di stato militare in Birmania – ma le sanzioni mirate hanno poco effetto, spiacenti sostenitori di misure più muscolose.

L’avversario russo Alexei Navalny ha detto ai membri del Parlamento europeo nel novembre 2020, durante il suo ricovero in Germania, dove è stato curato dopo essere stato avvelenato in Russia. “L’Unione europea dovrebbe prendere di mira i soldi, l’oligarchia, non solo la vecchia oligarchia, ma i nuovi oligarchi, membri della cerchia ristretta di Putin”, ha detto.

Alexei Navalny è stato arrestato al suo ritorno a Mosca a gennaio, e da allora le condanne si sono accumulate. L’Unione europea condanna la politicizzazione della giustizia e ne chiede il rilascio. senza risultato.

Così gli europei hanno deciso di prendere misure drastiche: attiveranno il nuovo regime di sanzioni sui diritti umani lunedì. La decisione sarà presa in una riunione dei ministri degli esteri a Bruxelles e le misure saranno in vigore per il vertice europeo del 25-26 marzo.

Il ministro rumeno Bogdan Orisko al suo arrivo alla riunione ha dichiarato: “C’è un’ampia maggioranza a favore dell’adozione di nuove sanzioni”. “Mi aspetto che verranno imposte sanzioni … e non sono impaziente di vedere un’Unione europea unita”, ha detto Ann Lind, Svezia.

I parenti di Alexei Navalny hanno fornito elenchi di personalità della cerchia ristretta del presidente, ma “è difficile punire l’oligarchia. Possiamo agire solo contro i responsabili, e questo solo se abbiamo le prove”, ha detto il capo della diplomazia lussemburghese Jean Asselborn.

READ  La comunità ebraica italiana ha risposto dopo la lettera di scuse di Emmanuel Filiberto a nome della famiglia Savoia: "Per quanto riguarda le leggi razziali, il giudizio è storia".

Le sanzioni europee consistono in divieti di visto e congelamento dei beni dell’UE per le persone o entità interessate.

Gli europei sono ancora divisi sul Cremlino. “Dobbiamo cercare modi per dialogare con Mosca”, ha detto Heiko Maas, capo della diplomazia tedesca. “Abbiamo bisogno dell’aiuto della Russia in molti conflitti internazionali”.

L’ambasciatore russo presso l’Unione europea, Vladimir Chizov, ha avvertito in un’intervista al quotidiano tedesco Die Welt che Mosca è “pronta a rispondere” in caso di “un nuovo ciclo di misure restrittive unilaterali e illegali”.

Leva economica

La reazione al colpo di stato in Birmania è stato il primo punto discusso dai ministri. L’Unione Europea “è pronta” ad adottare sanzioni contro i militari se i suoi appelli di “de-escalation” non saranno seguiti, indicando le conclusioni adottate dopo la discussione.

Fonti diplomatiche hanno affermato che dovrebbero essere discusse anche nuove sanzioni contro il regime di Nicolas Maduro in Venezuela. Una trentina di nomi dovrebbero essere aggiunti alla lista nera di questo paese.

I ministri dovrebbero anche valutare le misure prese contro la repressione che è stata attuata a Hong Kong, poiché la Cina ha messo in dubbio il principio “un paese, due sistemi”. Un diplomatico europeo ha detto: “Dobbiamo vedere se c’è di più che deve essere fatto”.

In Bielorussia possono essere punite anche la detenzione e le molestie nei confronti dei giornalisti. Ma tre serie di sanzioni contro il regime sono già state adottate e il presidente Alexander Lukashenko è stato inserito nella lista nera senza alcun effetto. Conferma il sostegno mostrato da Vladimir Putin a Minsk.

I critici si sollevano contro l’inefficacia delle sanzioni europee mirate. “L’Europa non dovrebbe aver paura di usare i suoi strumenti economici contro la Russia”, afferma Ian Bond, direttore degli affari politici internazionali presso il Centre for European Reform (CER).

READ  Today, the Dow Jones rises on stimulus. Intel faces shake; Ali Baba expand its recovery | Daily Business Investor

Ma “non dobbiamo aspettare un approccio unificato”, lamenta l’italiano Gianni Rota, esperto di disinformazione presso la Commissione europea. Ha spiegato in un’intervista a Carnegie Europe che “l’Unione europea sta affrontando un’epidemia e crescenti difficoltà economiche e, a seconda del gas russo, ha pochi stati membri che sono simpatizzanti per il Cremlino o dominati da partiti populisti alimentati dalla Russia”. Centro.

© 2021 AFP. Tutti i diritti d’autore e le rappresentazioni sono riservati. Tutte le informazioni in questa sezione (messaggi, immagini e loghi) sono protette dai diritti di proprietà intellettuale di AFP. Di conseguenza, nessuna di queste informazioni può essere riprodotta, modificata, ridistribuita, tradotta, sfruttata commercialmente o riutilizzata in alcun modo senza il previo consenso scritto di Agence France-Presse.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *