L’efficacia della profilassi PrEP è stata confermata nella vita reale

Sulla base dei dati del National Health Data System (SNDS), lo studio ha misurato l’efficacia della PrEP su 46.706 uomini ad alto rischio di HIV a trasmissione sessuale tra il 2016 e il 2020 in Francia.

La terapia PrEP, un trattamento preventivo per evitare l’infezione da HIV, è altamente efficace, a condizione di avere le giuste dosi e la giusta frequenza, secondo uno studio di vita reale pubblicato martedì sulla rivista. Lancetta per la salute pubblica.

La PrEP (per la profilassi pre-esposizione) è destinata a persone non infette dall’HIV. La persona che lo segue assume compresse antiretrovirali (Truvada e generici) per evitare di contrarre l’HIV durante i rapporti sessuali senza preservativo.

Finora, gli studi clinici hanno dimostrato l’efficacia di questo trattamento, ma non c’è stato uno studio comparativo realistico per confermarlo.

Un nuovo studio di EPI-PHARE, che collega l’Assicurazione sanitaria (Cnam) e l’Agenzia dei medicinali (ANSM), mostra che tra gli uomini ad alto rischio di infezione sessuale da HIV in Francia, l’efficacia della PrEP nella vita reale raggiunge in gran parte un livello elevato . Ma a condizione che l’adesione a questo trattamento preventivo sia buona.

Livello di efficacia vicino alle sperimentazioni cliniche

I risultati mostrano che l’efficacia della PrEP raggiunge un livello vicino a quello riportato negli studi clinici, quando gli uomini assumono solo tra i tre quarti e una lattina di Truvada al mese (efficacia del 93%) o per periodi ininterrotti. ).

Rispetto agli uomini che sono rimasti HIV-negativi, quelli con HIV al follow-up hanno utilizzato la PrEP più spesso (29% contro 49%). Coloro che assumevano PrEP avevano spesso un uso inferiore di Truvada, meno di una confezione da 30 compresse ogni due mesi (78% contro 40%) e/o lunghe pause (di almeno tre mesi) dal trattamento (74% contro 40%).

READ  Per superare la solitudine, riconnettersi con la natura

L’efficacia della PrEP sembra essere diminuita negli uomini di età inferiore ai 30 anni che ricevono CMUc (assicurazione sanitaria integrativa completa), tra i quali il consumo di Truvada è particolarmente basso e la frequenza delle interruzioni della PrEP è particolarmente elevata.

“Rafforzare gli sforzi per migliorare l’adesione alla PrEP è essenziale per garantirne l’efficacia, in particolare tra i giovani e le persone svantaggiate”, ha affermato Rosemary Dry Spira, vicedirettore di EPI-PHARE.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.