Il Texas ripristina la legge sull’aborto

(AUSTIN) Venerdì sera, una corte d’appello federale ha rapidamente permesso al Texas di riprendere il divieto sulla maggior parte degli aborti, appena un giorno dopo che le cliniche in tutto lo stato hanno iniziato a correre di nuovo per servire i pazienti per la prima volta dall’inizio di settembre.


Paul J Weber
Agenzia di stampa

Il Texas venerdì ha chiesto il rapido ripristino della legge sull’aborto più restrittiva d’America, che fino a questa settimana aveva proibito la maggior parte delle interruzioni volontarie di gravidanza.

Questa richiesta invia la legge del Texas, nota come SB 8, alla Quinta Corte d’Appello federale, che ha precedentemente autorizzato l’applicazione di queste restrizioni.

Anche dopo che il giudice Robert Pittman ha sospeso la legge mercoledì, molti medici del Texas si rifiutano ancora di eseguire aborti per paura di affrontare azioni legali. Il risultato è che i servizi per l’aborto del Texas, che avevano circa due dozzine di cliniche prima che la legge entrasse in vigore l’1egli è Settembre – Lungi dal tornare alla regolare attività fisica, anche con la legge sospesa.

Per legge, gli aborti sono vietati in Texas una volta rilevata l’attività cardiaca, di solito entro la sesta settimana di gravidanza. La legge viene applicata solo da azioni legali individuali contro i fornitori di aborti, un approccio innovativo che ha aiutato i texani a eludere la prima ondata di sfide legali.

L’ufficio del procuratore generale repubblicano del Texas Ken Paxton ha dichiarato alla corte che, poiché lo stato non applica la legge, non può “essere ritenuto responsabile per le denunce di privati ​​cittadini che il Texas non può “prevenire”.

READ  Obiettivo dei cospiratori, una società di computer che rivendica 2,7 miliardi di dollari da Fox News

Il suo ufficio ha chiesto alla corte di agire entro martedì, se non prima.

Il signor Bateman aveva definito la legge una “negazione abusiva” del diritto costituzionale all’aborto. La causa è stata intentata dall’amministrazione Biden, che ha avvertito che altri stati potrebbero intraprendere azioni simili se la legge del Texas non fosse stata abrogata.

Prima dell’ordine di 113 pagine del giudice Robert Pittman, altri tribunali si erano rifiutati di fermare la legge, che vieta l’aborto anche prima che alcune donne sapessero di essere incinte. Questi includono 5NS La Corte d’Appello e la Corte Suprema degli Stati Uniti, che a settembre hanno autorizzato l’applicazione della legge senza pronunciarsi sulla sua costituzionalità.

La legge del Texas lascia l’applicazione della legge solo ai cittadini, che hanno diritto a $ 10.000 di danni se fanno causa con successo non solo ai fornitori di aborti che violano le restrizioni, ma anche a chiunque assista una donna con un aborto. I repubblicani hanno redatto la legge per consentire procedimenti giudiziari retroattivi se un tribunale ha annullato le restrizioni e poi ne ha ripristinato un altro.

L’ordine del giudice Robert Pittman è stato un primo colpo per Bill SP8, che aveva resistito a un’ondata di sfide precedenti. Nelle settimane successive all’entrata in vigore delle restrizioni, i fornitori di aborti del Texas hanno affermato che l’effetto era “esattamente quello che temevamo”.

“Quando l’SB 8 è entrato in vigore, alle donne è stato illegalmente impedito di esercitare il controllo sulla propria vita in modo protetto dalla costituzione”, ha scritto Bateman, nominato dall’ex presidente Barack Obama.

I fornitori di aborto affermano che le loro preoccupazioni si sono avverate da quando la legge è entrata in vigore. Planned Parenthood afferma che il numero di pazienti del Texas nelle sue cliniche è diminuito di circa l’80% nelle due settimane successive all’entrata in vigore della legge.

READ  Aerei militari cinesi al largo della Malesia: addestramento di routine, secondo Pechino

Alcuni fornitori hanno affermato che le cliniche del Texas sono ora a rischio di chiusura, poiché gli stati vicini si affrettano a far fronte a un afflusso di pazienti che devono viaggiare per centinaia di miglia per abortire. Altre donne dicono di essere costrette a portare a termine le loro gravidanze.

Non si sa quanti aborti siano stati eseguiti in Texas dall’entrata in vigore della legge. Funzionari sanitari statali affermano che ulteriori requisiti di segnalazione per legge non consentiranno la pubblicazione dei dati di settembre sul suo sito Web fino all’inizio del prossimo anno.

Una sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti del 1992 ha impedito agli Stati di vietare l’aborto prima che fosse praticabile, cioè quando il feto può sopravvivere fuori dall’utero, a circa 24 settimane di gestazione. Ma la versione del Texas ha finora sfidato i tribunali perché ha lasciato agli individui la possibilità di presentare una denuncia, non ai pubblici ministeri, che secondo i critici equivale a una taglia.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *