Come spiega la scienza questo fenomeno? Abbiamo intervistato Julien Dubreuil, un biologo marino

La diffusione dei polpi sui fondali marini è un’epidemia per i pescatori della costa atlantica. Quest’anno divorano molluschi e crostacei e privano tutti i cacciatori del Great West. Per saperne di più su questo fenomeno, abbiamo intervistato Julien Dubreuil, un biologo marino.

Per diversi mesi, i polpi hanno devastato il fondo della costa atlantica. Aragoste, muffin, capesante, nessuna specie è immune al vorace appetito dei cefalopodi. Una grande perdita nei profitti dei pescatori nella Francia occidentale perché a volte i polpi finiscono nelle trappole e divorano il pescato. Una nuova concorrenza inaspettata sconvolge l’ecosistema marino e l’economia della pesca.

Per capire da dove viene questo fenomeno e quali soluzioni possono esserci, abbiamo intervistato Julien Dubreuil, biologo marino di Quimper e direttore del progetto della Commissione regionale per la pesca marina e l’educazione marittima della Bretagna (CRPMEM).

Julien Dubrell, hai notato l’allevamento di polpi?

Siamo chiaramente in un anno del tutto eccezionale rispetto all’ultima serie storica. Il fenomeno della proliferazione del polpo è già stato documentato, e ne abbiamo alcuni nella letteratura scientifica per gli anni 1950-1960. Consolido gli ultimi numeri del Morbihan. Numeri importanti come questo, Non ne abbiamo visto uno negli ultimi dieci anni di dati. Siamo 20 volte più grandi dell’anno scorso e quindi con carichi utili davvero sorprendenti.

Quali sono le ragioni di questa diffusione?

Ciò che rende probabile una tale diffusione sono le favorevoli condizioni idroclimatiche che hanno permesso alla specie di avere un buon successo riproduttivo nell’ultimo anno. Le specie allevate hanno sperimentato più giovani che raggiungono l’età adulta e poiché sono una specie a crescita molto rapida, non vivono molto a lungo. In genere i polpi vivono tra uno e due anni, devono crescere molto velocemente e quindi mangiare molto. Ha un apparato digerente che si adatta a mangiare una grande quantità di cibo, in particolare ostriche, crostacei, gamberi, granchi, capesante, vetro e ostriche. È l’alimento base target.

READ  L'Università di Perpignan seppellisce abstract per il progresso della scienza

Come proteggiamo queste risorse e le compagnie di pesca?

È molto complicato. Ci sono diversi assi su cui lavorare. Già, siamo costretti ad adattare la gestione. Abbiamo parlato dei primi depositi di conchiglie nel Morbihan, aperti questa settimana [mi-octobre 2021, NDLR]La gestione è stata completamente adattata, meno licenze concesse, meno giorni di caccia nel calendario annuale e meno tempo di caccia. È un adattamento molto necessario al fatto che ci sono meno conchiglie nel deposito.

Un’altra necessità ed è una necessità fondamentale, che è la capacità di cacciare e riportare indietro tutti questi predatori. Il polpo deve essere riportato indietro, sia con la pala, con la trappola o con la rete da traino. Ha valore commerciale e soprattutto quello che bisogna capire è che il polpo a terra è un polpo che non mangia più i crostacei sui letti. Ecco perché vi ho parlato del sostegno alle autorità pubbliche, devono essere allertate e dobbiamo essere flessibili sui regolamenti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *