Biden riconquista le aree protette tagliate da Trump

(Washington) L’amministrazione di Joe Biden annullerà le decisioni di Donald Trump di tagliare tre aree protette da parte della loro superficie, continuando così a ripristinare il disastroso record ambientale del suo predecessore.


Ripristinando (area) questi “tre monumenti nazionali” […]”Il presidente Biden mantiene una promessa chiave e sostiene il fermo principio che i parchi nazionali, i monumenti e le altre aree protette degli Stati Uniti dovrebbero essere protetti per sempre e per tutti”, ha scritto la Casa Bianca in una nota.

Il Grand Staircase-Escalante National Monuments, entrambi situati nello Utah (ovest), ei monumenti nelle Northeast Valleys e Seamounts, nell’Oceano Atlantico al largo del Massachusetts, riacquisteranno così le loro proporzioni originali.

La Grande Scalinata-Escalante scenderà da circa 4.000 km2 A una distanza di oltre 7500 km2 E le orecchie d’orso, ridotte a 926 chilometri quadrati, cresceranno un po’ da quando l’amministrazione Biden ha deciso di mantenerle a 45 chilometri2 Aggiunto da Donald Trump, con un nuovo totale di oltre 5.500 km2.

Anche l’area acquatica dei Northeast Seamounts e dei Seamounts è in fase di ripristino e la Casa Bianca annuncia che la pesca di granchi rossi e aragoste americane sarà gradualmente ridotta lì fino a quando non sarà vietata il 15 settembre 2023.

Joe Biden dovrebbe firmare questo decreto venerdì, secondo la stampa americana.

Protegge così il bilancio dei suoi predecessori democratici Barack Obama, che ha creato il monumento Bears Ears nel 2016 e Bill Clinton, che ha creato la Grand Staircase Escalante nel 1996.

La decisione di Donald Trump di ritagliarsi queste tre aree protette ha scatenato lo scandalo delle tribù native americane coinvolte e degli ambientalisti.

READ  Canale di Suez | Ottimismo, ma gli sforzi di liberazione sono ancora vani

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *