Washington invita Putin a “riconoscere la realtà” dopo aver parlato della “guerra” in Ucraina

Les États-Unis ont appelé vendredi, avec une pointe d’ironie, il presidente della Russia Vladimir Poutine à reconnaître la réalité du conflit in Ucraina et à retirer ses troupes dopo l’utilizzo du mot “guerre”, proscrit in Russie, lors d’ una conferenza stampa.

• Leggi anche: Il Congresso degli Stati Uniti approva il disegno di legge sul bilancio dell’Ucraina con 45 miliardi di dollari

• Leggi anche: La scoperta di un potenziale doppio agente è considerata allarmante da Berlino

• Leggi anche: Gli ucraini si esercitano a riparare gli obici tedeschi in Lituania

L’intervento della Russia in Ucraina, lanciato il 24 febbraio, è stato ufficialmente chiamato “operazione militare speciale” in Russia.

Le autorità russe hanno introdotto una legge che prevede dure pene detentive per qualsiasi pubblicazione di informazioni sull’esercito russo ritenute “false” e diverse persone sono state condannate, in particolare dopo aver definito pubblicamente il conflitto come “guerra”.

Tuttavia, durante una conferenza stampa di giovedì, Vladimir Putin ha usato la parola, sottolineando di voler porre fine al conflitto in Ucraina “il prima possibile”.

“Dal 24 febbraio, gli Stati Uniti e il resto del mondo hanno capito che l’operazione militare speciale era una guerra non provocata e non provocata contro l’Ucraina”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato americano.

Ha aggiunto: “Finalmente, dopo 300 giorni, Putin ha chiamato la guerra per nome”. “Come prossimo passo per riconoscere la realtà, lo esortiamo a porre fine a questa guerra ritirando le sue forze dall’Ucraina”.

“L’aggressione della Russia contro la sovranità del suo vicino ha causato la morte, la distruzione e lo sfollamento della popolazione”, ha continuato il Dipartimento di Stato, qualunque sia la terminologia usata da Putin.

READ  La banca ha depositato per errore 50 miliardi di dollari sul suo conto

Il deputato municipale russo, Nikita Iovrev, da parte sua, ha annunciato, giovedì sera, di aver sporto denuncia contro il presidente Vladimir Putin, che lo ha accusato di aver diffuso “false informazioni” usando la parola “guerra” per descrivere l’operazione russa in Ucraina.

Cette requête n’a que peu de chances d’aboutir, d’autant plus que le texte de l’élu local comporte plusieurs erreurs factuelles, comme la date du discours de M. Poutine ou le nom meme du president, écrit au feminin à Ripresa.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.