Un cocktail di farmaci per curare la degenerazione del disco

primario

  • Il mal di schiena è la causa di 2,3 milioni di giorni lavorativi persi in Francia ogni anno
  • La causa principale del mal di schiena è il mal di schiena
  • Il cocktail di farmaci può trattare la degenerazione del disco che causa la lombalgia

Negli Stati Uniti, più di quindici milioni di adulti soffrono di mal di schiena cronico. In Francia, il 64% della popolazione ha avuto dolori alla schiena o alle articolazioni negli ultimi 12 mesi, secondo un sondaggio di Opinionway pubblicato nel 2020.. Problemi imbarazzanti o addirittura invalidanti nella vita quotidiana. Secondo l’assicurazione sanitariaIl mal di schiena è la causa della perdita di 2,3 milioni di giornate lavorative ogni anno nel settore dell’assistenza e della cura della persona. Risultato notevole in molti altri settori di attività. Spesso la causa principale di questa sofferenza è la lombalgia, cioè un forte dolore alle vertebre lombari situate nella parte bassa della schiena. Con l’avanzare dell’età, la frequenza del dolore lombare può aumentare a causa della degenerazione dei dischi che supportano queste vertebre. Un fenomeno che rafforza questo problema di salute.

Un nuovo trattamento preventivo per prevenire la degenerazione del disco

Sebbene la lombalgia colpisca molte persone, c’è poco trattamento. Quando il dolore è presente, i più importanti sono i farmaci, le iniezioni o persino la chirurgia. Ma questo non è adatto a tutti i pazienti. Alcuni non soddisfano i criteri per la chirurgia e alcuni non si sentono a proprio agio con l’iniezione. Infine, l’ultimo aspetto negativo delle cure attuali: l’uso prolungato di farmaci comporta un rischio di dipendenza. Per la gestione preventiva della lombalgia, i medici generalmente raccomandano un’attività fisica regolare o una terapia fisica di follow-up. Ma i ricercatori potrebbero aver appena escogitato una nuova soluzione preventiva: una combinazione di farmaci che eliminano le cellule che invecchiano e riducono la degenerazione del disco alla base della lombalgia. I loro risultati sono stati appena pubblicati sulla rivista Nature Communications.

I senolitici sostituiscono le cellule danneggiate

Una volta che i dischi intervertebrali iniziano a invecchiare, si verifica pochissima rigenerazioneSpiega Makarand Risbaud, uno degli autori. Ma i nostri risultati mostrano che è possibile ridurre la degenerazione del disco associata all’invecchiamento.A tal fine, i ricercatori hanno testato un trattamento basato su una classe di molecole chiamate senolitiche, già note agli scienziati come trattamento contro l’invecchiamento cellulare. Come funziona l’antietà? Con l’avanzare dell’età, le cellule senescenti si accumulano in ogni tessuto del corpo, secernendo questi enzimi distruttivi e proteine ​​infiammatorie che colpiscono le cellule sane vicine e alla fine si deteriorano.L’azione dei farmaci senescenti è semplice: uccidono le cellule che invecchiano e le cellule danneggiate che sono naturalmente sostituite da nuovi, nuovi sani.

Effetto profilattico e protettivo nei topi più piccoli

Nei loro esperimenti, i ricercatori hanno testato insieme due farmaci antietà: dasatinib e quercetina. Hanno testato questo cocktail, per iniezione settimanale, su topi giovani, medi e vecchi. Risultati: i roditori più giovani hanno beneficiato maggiormente di questo trattamento rispetto agli anziani. In effetti, i topi giovani e di mezza età presentavano degenerazione del disco e cellule meno senescenti quando raggiungevano la vecchiaia rispetto a quelli a cui era stato somministrato un placebo. In altre parole, questa combinazione di farmaci ha avuto un effetto profilattico e profilattico contro i problemi alla schiena.

‘Un nuovo approccio preventivo’

Il trattamento è stato più efficace quando abbiamo iniziato a trattare i topi quando hanno iniziato a comparire queste cellule senescenti, McCarrand Risbaud spiega. I nostri risultati mostrano che se gli antigeni vengono somministrati precocemente, possono rallentare la degenerazione del disco. Questo è un nuovo approccio preventivo“.Tuttavia, affinché questo trattamento settimanale sia efficace, deve essere somministrato fino a quando i topi non raggiungono la vecchiaia, il che significa molti anni negli esseri umani. Ma a questo punto del loro lavoro, i ricercatori non hanno osservato alcun effetto collaterale negativo a lungo termine. “Le persone potrebbero aver bisogno di assumerlo per molto tempo affinché il trattamento sia efficace e i nostri dati mostrano che i farmaci sono stati ben tollerati, almeno nei topi.“, sottolinea Makarand Risbaud. In definitiva, i ricercatori vogliono testare questo trattamento sugli esseri umani e quindi, forse, offrire una nuova via di trattamento per i pazienti.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *