Ucraina: petroliera russa condannata a 10 anni di carcere per aver sparato in un condominio

Un tribunale ucraino ha condannato una petroliera russa a 10 anni di carcere per aver sparato in un condominio, hanno annunciato lunedì i servizi di sicurezza ucraini.

• Leggi anche: Ucraina: Mosca e Kiev si accusano a vicenda di aver bombardato la centrale elettrica più grande d’Europa

Il sergente Mikhail Kulikov, catturato all’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, è stato condannato per “violazione delle leggi e dei costumi di guerra” da un tribunale di Chernigov, nel nord dell’Ucraina.

Secondo la SBU, “è stato stabilito che la petroliera russa ha attraversato il confine con l’Ucraina il 24 febbraio dalla Bielorussia”, e poi è avanzata verso questa capitale regionale gravemente colpita dai combattimenti, “ha bombardato i siti”.

“Il 26 febbraio, su ordine del suo comandante, ha sparato in modo marcato contro un condominio di 11 piani abitato da civili. Diversi appartamenti sono stati distrutti”, continua il Dipartimento di sicurezza dello Stato, secondo cui poco dopo sarebbe stato intercettato un carro armato e il sergente Kulikov è stato arrestato.

A maggio, la giustizia ucraina ha già condannato un sottufficiale russo di 21 anni, Vadim Chichimarin, all’ergastolo per l’omicidio di un civile, e la pena è stata ridotta in appello a 15 anni di reclusione. È il primo soldato russo ad essere processato per un crimine di guerra dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio.

Due soldati accusati di aver bombardato due villaggi nella regione di Kharkiv nell’Ucraina orientale con più lanciarazzi il primo giorno di guerra sono stati condannati a 11 anni di carcere, diversi altri casi sono attualmente allo studio.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.