Italia: archiviato il movente razziale per l’omicidio di un nigeriano

Sabato, i neri italiani hanno marciato attraverso una ricca località balneare dell’Adriatico chiedendo alle autorità di riconoscere il ruolo della razza nel brutale omicidio in pieno giorno di un immigrato nigeriano.

Diversi testimoni hanno filmato l’attacco il 29 luglio ma non sono intervenuti fisicamente. Il video ampiamente diffuso mostra un uomo che lotta per terra e strangola un venditore ambulante Alika Ogorchukwu39 anni.

Gli spettatori hanno urlato all’aggressore di fermarsi, ma non sono venuti in aiuto di Alika Ogorchukwu, che stava lottando per liberarsi, aumentando l’indignazione pubblica per l’attacco. omicidio.

La polizia ha arrestato un sospetto, Filippo Ferlazzo, 32 anni, ma ha immediatamente escluso qualsiasi motivazione razziale per l’attacco nella città italiana di Civitanova Marche.

La polizia ha detto che Ferlazzo ha colpito per la prima volta Ogorchukwu con una stampella che il venditore stava usando, dopo averlo inseguito per circa 200 metri lungo una strada commerciale fiancheggiata da negozi di fascia alta.

Alcuni resoconti affermano che Ogorchukwu si è complimentato con il compagno di Ferlazzo mentre cercava di fare una vendita o chiedere il resto, altri che ha toccato o accarezzato il braccio del suo compagno.

I cittadini, seguendo le forze dell’ordine, hanno attribuito la morte del nigeriano a un venditore ambulante invadente, che sfortunatamente si è imbattuto in un uomo con una storia di malattia mentale comprovata dal tribunale. .

I funzionari della città hanno espresso preoccupazione per la politicizzazione dell’omicidio, mentre l’Italia si prepara per le elezioni parlamentari del prossimo mese.

Il ruolo della razza in questo caso è talmente accusato che un quotidiano locale, esso Ristorante del Carlinoha pubblicato un titolo promettendo che “la parola razzismo non sarebbe stato utilizzato durante la marcia di sabato. Ma un manifesto per l’evento, annunciato come il primo nel paese organizzato da italiani neri, elenca il riconoscimento del ruolo della razza in quello che è successo a Ogorchukwu come la prima di 11 richieste.

READ  Giro d'Italia - Sette corridori per Trek-Segafredo, Nibali in attesa

“gente razzializzata”

Circa 30 organizzazioni hanno affermato che avrebbero cercato di unirsi all’accusa come parte civile per conto di “persone di colore“.

La vedova di Ogorchukwu, Charity Oriakhi, è riluttante a dire che l’omicidio era di matrice razziale.

Ha detto che lei e suo marito si sono sempre sentiti i benvenuti in Italia e che non ha mai raccontato di aver avuto interazioni negative quando vendeva. Infatti, ha raccontato, tornava spesso a casa con regali di italiani per il figlio di 8 anni della coppia.

I due, provenienti da diverse parti della Nigeria, si sono conosciuti nella cittadina toscana di Prato una decina di anni fa, poco dopo l’arrivo in Italia di Ogorchukwu. Ritornarono quindi nelle Marche, in un appartamento sopra un laboratorio di marmo nel piccolo paese collinare di San Severino.

La Ggoverno nigeriano ha condannato la morte di Ogorchukwu e il ministero degli Esteri del Paese dell’Africa occidentale ha esortato le autorità italiane a “consegnare senza indugio alla giustizia l’autore di questo atto atroce“.

Ogorchukwu stava usando una stampella perché un’auto lo ha investito mentre era in bicicletta un anno fa, facendolo zoppicare, secondo le persone che lo conoscevano.

L’avvocato di famiglia Francesco Mantella ha detto che il venditore ambulante ha continuato a vendere prodotti, dai fazzoletti ai cappelli di paglia, anche dopo che un accordo assicurativo ha portato un po’ più di sicurezza finanziaria, così come il lavoro di Oriakhi, che ha pulito una stazione ferroviaria.

La vedova racconta di aver visto l’ultima volta il marito quando lui le ha offerto un panino alla stazione prima di partire per Civitanova il venerdì della sua morte.

READ  Halafihi e Menoncello selezionati per la prima volta contro i Blues

È ossessionata dalle immagini nel video e tiene la televisione spenta a casa in modo che suo figlio non le veda.

You May Also Like

About the Author: Cosimo Fazio

"Evangelista di zombi. Pensatore. Creatore avido. Fanatico di Internet pluripremiato. Fanatico del web incurabile".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.