Suola moderna… 40 milioni di anni fa

Questa foto di un pesce fossile, Turahbuglossus cuvillieriÈ uno dei più antichi pesci piatti conosciuti. È stato scoperto nelle cave di Tora a sud-est del Cairo in Egitto. Queste cave sono anche note per aver fornito calcare, bianco e fine, per le piramidi egiziane. Infatti, è decorato con un esterno in pietra calcarea. Questo riflette la luce del sole, e secondo autori antichi, come Strabone, le piramidi davano un lato luminoso e la piramide di Khufu, il cui nome è Aquit “quella splendente”. Questa facciata fu distrutta durante un violento terremoto nell’agosto 1303 e le sue rocce furono esposte Riutilizzato per ricostruire Il Cairo.

Questa roccia, e quindi questo fossile, ha circa 40 milioni di anni. Ed è qui che iniziano a porsi alcune domande… Come abbiamo detto, è uno dei pesci piatti fossili più antichi e le sue caratteristiche strutturali, in particolare la disposizione e l’organizzazione delle pinne, si sono rivelate già evolute. Sezionando il suo scheletro, Turahbuglossus cuvillieri Vicino alle attuali suole dell’Oceano Indiano.

Spesso, nella documentazione fossile, abbiamo abbondanti fossili antichi che mostrano a poco a poco la graduale acquisizione di nuovi caratteri, come ci è stato mostrato Evoluzione dei primi vertebrati. Bene, abbiamo subito un pesce piatto, Turahbuglossus cuvillieriTipo molto moderno e quasi identico a una suola moderna!

Al momento stiamo ancora cercando pesci piatti fossili risalenti a 40 milioni di anni fa, mentre dopo questa data abbiamo trovato un tipo di pesce piatto molto recente, simile alle forme attuali. E questo senza alcun fossile “intermedio” che dichiari le forme attuali, a differenza di quanto troviamo in altri gruppi. Nelle acque intorno a noi, i pesci piatti sono raggruppati nel gruppo Pleuronectiformes, rappresentato dall’axolotl, dal rombo e dalla sogliola.

READ  Come puoi aiutare tuo figlio a non avere paura del dottore?

Quanto tempo impiega una specie per evolversi?

Questa privacy, questo aspetto a priori improvviso Già suggerito Dalla scoperta di questo fossile all’inizio del NovecentoNS secolo, sottolineato Attraverso studi successivi alla fine dello stesso sec.

Ciò può essere spiegato dalla rapidissima diversificazione Dal gruppo dei pesci piatti, qualche milione di anni o anche meno.

Su scala evolutiva, è molto veloce! A sua volta, ci sono voluti alcuni milioni di anni per dare origine all’attuale specie umana e la sua storia è segnata da scoperte fossili. Lì, il gruppo dei Pleuronectiformi appare all’improvviso, circa 40 milioni di anni fa.

a partire dal Attività commerciale incidente e di nuovo occupazione strati Concentrarsi sul DNA dei pesci piatti, nonché sulla loro evoluzione e sui rapporti di parentela sottolineerebbe uno scenario di rapida diversificazione del gruppo.

Questo evento improvviso è notato perché getta una luce speciale sulla nostra conoscenza della storia di un gruppo di vertebrati, ma rimane misterioso in quanto le ragioni legate alla velocità di questo gruppo rimangono fino ad oggi sconosciute. Tuttavia, è notevole che il fenomeno della “diversità esplosiva”, proposto quasi un secolo fa sulla base dello studio dei fossili, sia oggi confermato dall’analisi comparativa del DNA delle forme attuali.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *