Sebbene sia stato assolto, Trump è “responsabile” dell’attacco a Capitol Hill, dice McConnell

Sabato il leader del Senato repubblicano Mitch McConnell ha accusato Donald Trump di “responsabilità” per il fatale assalto a Capitol Hill, dopo che la sua assoluzione è stata votata al suo storico processo al Senato.

Leggi anche: Il Senato assolve Trump dopo un processo storico

Leggi anche: L’innocenza di Donald Trump, e adesso?

L’influente senatore ha detto: “Senza dubbio, no, il presidente Trump è responsabile, di fatto e moralmente, di far accadere gli eventi di questa giornata” il 6 gennaio.

Nella stessa lettera, ha giustificato il suo voto di assoluzione, dicendo che sentiva che il Senato non aveva giurisdizione per giudicare un ex presidente.

Ha affermato che i rivoltosi hanno agito in questo modo “perché l’uomo più potente della terra li ha alimentati con menzogne” rifiutandosi di sconfiggerlo alle elezioni presidenziali del 3 novembre. “Perché era arrabbiato. Ha perso le elezioni.”

Mitch McConnell ha continuato in un lungo discorso: “Le azioni dell’ex presidente Trump prima delle rivolte sono state una vergognosa violazione dei suoi doveri”.

In vista dell’apertura dell’ultimo giorno del processo, sabato mattina, questo brillante stratega, che fino a quel momento era rimasto conservatore sulle sue intenzioni, ha indicato che avrebbe votato per assolvere il miliardario repubblicano.

Ha detto che è stata una “decisione difficile” che ha indubbiamente avuto un impatto importante sul voto finale, dato il suo impatto significativo sul suo gruppo parlamentare. Ci sarebbero voluti 17 repubblicani per votare con i senatori democratici per ottenere una condanna.

Alla fine, sette repubblicani hanno votato a favore di questo partito, il che è una rottura evidente per questo partito normalmente tenuto insieme al Senato.

READ  Una nuova generazione al centro del potere a Cuba

Mitch McConnell ha voluto sottolineare che se Donald Trump, dice, non può essere processato al Senato, perché ora è un “semplice cittadino”, allora il magnate immobiliare può essere citato in giudizio.

È ancora responsabile di tutto ciò che ha fatto mentre era in carica. “Non è ancora sfuggito a nulla”, ha detto Mitch McConnell.

Il senatore, stretto alleato di Donald Trump, non ha parlato durante il suo mandato di quattro anni, da quando ha riconosciuto la vittoria del suo sfidante democratico, Joe Biden, a metà dicembre.

You May Also Like

About the Author: Rico Alfonsi

"Appassionato pioniere della birra. Alcolico inguaribile. Geek del bacon. Drogato generale del web."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *