Rubrica: Bang come un Bud Spencer!

Coprodotti in stile italo-tedesco-hispano-thing, questi western sono stati girati in Jugoslavia o in Spagna. Il loro uso teatrale è stato fatto nella cerchia dei cinema di quartiere e negli spettacoli del sabato sera. Popolare, mirando solo a distrarre il pubblico che la TV non ha ancora inghiottito, il programma musicale verrà stravolto. Trinità E tutto il freddo. Tanto che tutti i film del duo Hill/Spencer che seguiranno ma anche quelli che li hanno preceduti verranno messi nel sugo Trinità. Se il successo è unanime in Europa, i film di Bud Spencer fanno breccia nella Germania occidentale. I suoi film sono in duetto con Hill, come in un singolo. Ce ne saranno a decine. Il ragazzo girerà fino al 2009 per il cinema, un thriller tedesco dimenticato, fino al 2010 per la televisione con la serie I crimini dello chef (I crimini del presidente), undici episodi in cui Bud Spencer, ex commissario di Ischia e ora ristoratore, risolve enigmi criminali. In produzione Giuseppe Pedersoli, suo figlio.

Naturalmente, nel tempo, il corpo dell’uomo è diventato più spesso e più pesante. La sua faccia è stata divorata dalla sua barba arruffata, e ha visto dozzine di film che fanno oscillare le scale e danno il famoso pugno da mazza, che è una specie di Fred Flintstones in carne e ossa. Da qui questo nuovo termine tedesco: “sich budspenceren”. O bang come Bud Spencer. Il primo riferimento all’enorme celebrità che ha incontrato nella Repubblica federale di Germania e poi nella Germania riunificata, è dell’attore. Il che spiega perché la sua famiglia riconoscente ha contribuito così tanto al metabolismo di questo museo perché solo Berlino conosce il segreto: il Carrie Wurst Museum esiste davvero. Un museo aperto nel giugno 2021 a Unter den Linden. Questo è solo. All’improvviso, il monumento parigino passa Johnny Per ottenere un lecca-lecca alla fiera del trono. Pensa a quella strana quercia e si mette da solo il pugno di Bud nell’occhio. La riabilitazione (lenta) di Bud Spencer, infatti, è iniziata nel 1999, dopo la vittoria Roberto Benigni Agli Oscar con La vita è bella, la rivista tempo Ha stilato una lista degli attori italiani più famosi al mondo. Numero uno: Bud Spencer. Numero due: Terence Hill. Prendi questo e completa la polenta, gringo. Dopo dieci anni di digrignare denti e nasi storti, i professionisti della carriera cinematografica italiana accetteranno di premiare Hill e Spencer David di Donatello (Cesare italiano) alla professione. Il momento è arrivato: sei anni dopo, Spencer morì a Roma. Quanto a Hill, classe 1939 e ancora in questo mondo, ha suscitato commozione nazionale annunciando che presto avrebbe abbandonato la serie televisiva. Don Matteo Dopo 245 puntate per un pubblico stratosferico.

READ  Calcio - Italia - Serie A: il Milan domina il Genoa e consolida la seconda posizione

Saluto di classe a Bud Spencer, la tazza è piena. Ovviamente c’è una biografia ufficiale scritta da sua figlia Christiana Pedersoli e il suo titolo Budd, gigante per papà. C’è una strada con il suo nome da qualche parte in un paese vicino a Parma. C’è una statua di bronzo alta 2,40 metri scolpita da Susandra TsnadeFondata a Budapest. I festival cinematografici di Bud & Terence si tengono qua e là ogni anno. Un gruppo rock rumeno chiamato Bud Spencer Blues Explosion e una band elettrica tedesca si chiamavano Spencer & Hill. Circola anche una ricetta di cucina: i fagioli alla bod, un piatto di fagioli fragoroso divorato in una scena del La chiamiamo Trinità. Indubbiamente Spencer gli sparerà qualche anno dopo per quel poco di Tex-Mex diventato leggendario. Solo gli angeli mangiano i fagioli, per una volta una traduzione fedele del titolo italiano. Insieme a Bud Spencer, attore Giuliano Gemma, Soprannome Montgomery Wood, stava cercando di sostituire Terrence Hill. Successivamente, Spencer interpreterà un gruppo di personaggi che sono entrati subito nell’immaginario collettivo: Bulldozer, Pied Platt, Extralarge, Malabar… Sfogliando il suo film, si scopre che l’attore ha interpretato cose più insolite come, nel 1991, angelo o demone (Un piede in paradiso), prodotto da una lattina di Berlusconi (Per chi Spencer era politicamente incline), con la meravigliosa Carol Alt e ritirare: Thierry Lermitt. o simili, nel 1998, limite, un rullo spagnolo con… Béatrice Dalle! Rayon Nuggets, quattro film che stuzzicano la curiosità degli amanti del cinema: Quattro mosche di velluto, girato nel 1971 da Dario Argento, Insieme a Mimsy contadino ; All’alba del quinto giorno (Dio è con noi), invettiva antimilitare diretta da Giuliano Montaldo (1970) con Richard Johnson e Franco Nero ; vendetta siciliana (Torino Nera), foto Carlo Lisani (1972) con Marcel Bozovic e Françoise Fabian ; e datato 2003, passato inosservato, Cantare dietro gli schermi, Dott.Ermanno Olmi. Solo per questo Bud Spencer merita il suo museo. E proprio per questo, chi la prende in giro merita uno schiaffo. “Sich budspenceren uber alles! “

READ  Il divertente viaggio della nostalgia nel 1981 e 1987 di Riccardo Troggi

You May Also Like

About the Author: Drina Lombardi

"Analista. Creatore. Fanatico di zombi. Appassionato di viaggi. Esperto di cultura pop. Appassionato di alcol."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *