“Gli autori francofoni devono iniziare” – Jeune Afrique

Nnedi Okorafor, NK Jemisin, Tade Thompson… Nella fantascienza, nel fantasy e nel fantasy, gli autori africani e afroamericani di lingua inglese hanno imposto la loro immaginazione. Ma per quanto riguarda i francofoni? Rispondi con Mami Bougouma Deane, redattrice della newsletter “Omenana” che ha lanciato una call for papers.

Rivista di fantascienza, fantasy e fantasy (SFFF) Omenana (« divinità”, in Igbo) ha lanciato un appello per notizie di autori africani francofoni, Che abbiano già pubblicato o meno. La sua casa editrice francofona, la franco-senegalese-americana Mami Bogoma Diene, fa una valutazione preliminare delle opere pervenute.

Jeune Afrique: Dove ti ho invitato a prendere i documenti?

Mami Boukouma Deane: L’ultimo bando è stato chiuso dal 20 agosto. Pubblicheremo alcune delle proposte contenute nel numero in uscita questa settimana. Abbiamo raccolto relativamente poche notizie, ma stiamo assistendo a un netto miglioramento rispetto alla prima chiamata lanciata all’inizio di quest’anno. Poi abbiamo ricevuto sette testi, ma tre erano dello stesso autore e solo una donna ha risposto.

Questa volta ne abbiamo raccolti otto, ciascuno scritto da una persona diversa. Donne e uomini sono rappresentati in proporzioni uguali. Ci sono state offerte anche notizie che non corrispondevano alla nostra richiesta.

Mami Boukouma Deane è l’autrice di Gal Guy – A Story of Love, Death and Migration. © Umona

Lavoriamo con due autori altamente motivati ​​e un autore! Sono particolarmente lieto di lavorare con un giovane scrittore di 17 anni di origini franco-maliane che ha molto talento e apporta profonde intuizioni nella società africana. Non vedo l’ora di leggerlo anche io!

Le risposte sono arrivate più dalla diaspora o dal continente?

READ  Attenzione alla colla cianoacrilica che può essere responsabile di ustioni

La maggior parte degli autori che hanno partecipato a questo bando si trova nel continente. Gli affari provengono dall’Africa subsahariana (Congo, Guinea, Senegal, Mauritius, Mauritania) e dal Maghreb (Algeria, Marocco) o dai Caraibi (Guadalupa, Martinica). Gli scritti del continente stesso sono anche più numerosi perché la diaspora afro-caraibica francofona non è importante quanto la diaspora inglese, spagnola o portoghese.

Un disegno della nigeriana Sunny Efimina per

Illustrazione della nigeriana Sunny Efimina per “Pact du Fleuve” di Mustapha Mbaki Diop. © Arte Sunny Efimina

Sul tuo account Twitter, a fine agosto, avevo promesso una risposta a breve, quindi è molto lavoro?

Promesse dovute, le risposte hanno cominciato a diffondersi dal 5 settembre, a cominciare dalle storie respinte. E anche quando rifiutiamo una proposta, cerchiamo di includere nella nostra risposta un parere utile sulle ragioni del nostro rifiuto, e il nostro scopo è soprattutto incoraggiare gli autori e aiutare la scena letteraria a progredire.

Tutte le piume senza eccezione sono “promettenti”. Scrivono bene e hanno buone idee

Ci vuole più tempo per pensare alle persone che teniamo, e il processo di editing è ovviamente più esteso. Siamo in sei a rivedere quanto ci è stato presentato. Woppa Diallo, mia moglie, avvocato per i diritti umani e attivista femminista, Ketty D. Steward, autrice e psicologa della Martinica, Alain Ducharme, insegnante e direttore letterario della rivista canadese repubblica dei centauriAnna, Youssef e Anne Rachdi che lavorano nei cinema in Algeria e io. Per il resto ne ho parlato in apertura passata Omenana.

Hai già notato alcuni nomi che promettono piume?

Sì, a parte quelli che puoi leggere sulla rivista, volevo vedere cosa succede con i testi rifiutati, che per loro natura sono molto di più. Tutte le piume senza eccezione sono “promettenti”. Le persone che si sono fatte avanti scrivono bene e hanno buone idee. Il problema che si pone è il problema di tutte le scene artistiche sofisticate. Da un lato ci sono quelli con talento naturale ed esperienza. Si distinguono fin dall’inizio: le loro opere sono formattate correttamente, la calligrafia è chiara e il testo stesso è già un racconto.

READ  Aurelie Jean - L'algoritmologia non è manicheista

D’altra parte, le proposte fallite non sono perché la scrittura è cattiva, ma perché il loro autore non è mai stato pubblicato e non ha mai collaborato con gli editori. Le storie mancano di coerenza nonostante le ottime idee. Questo era vero anche per Omenana Inizialmente in inglese. In effetti, ci sono più persone che sono in grado di inviare messaggi, ci vuole tempo per spargere la voce e per loro vedere che forniamo storie di qualità. Questo li incoraggerà a prendere l’iniziativa e ad aiutare coloro che lo fanno ma non hanno ancora l’esperienza a progredire.

Da un punto di vista più ampio, sono noti pochi autori africani francofoni della SFFF. Quale libro mi consigliate?

Qui sta il problema! Ne sappiamo qualcosa noi stessi, da qui questa iniziativa, che fa parte di un quadro più ampio ed è solo agli inizi.

Omenana è una rivista di narrativa speculativa incentrata sull'Africa e sulla diaspora africana.

Omenana è una rivista di narrativa speculativa incentrata sull’Africa e sulla diaspora africana. © David Mutoto

Consiglio in particolare il giovane scrittore e studente di medicina senegalese Mustapha Mbaki Diop, che abbiamo pubblicato con Le Pacte du rivière nell’edizione precedente. Il prossimo numero contiene un racconto dello scrittore algerino Rachid Wadah e un testo di Michael Roach dai Caraibi. Ma non dico di più, scoprirete nuove piume nel nostro nuovo lavoro.

Oltre agli autori che pubblichiamo ovviamente, citerò anche Hamido Bah El Guiny, La senegalese Emily Diack E l’ivoriano Yan Cedric A. Olio. Tutti e tre sono romanzieri e non scrivono in forma abbreviata, per quanto ne so. Lo spero’Omenana E alla fine, Rivista Dunia Lascerà che gli altri escano dal bosco.

READ  Festival della scienza 2021 al Planetario di Vaulx-en-Velin (Generale) Planetario di Vaulx-en-Velin Domenica 10 ottobre 2021

Hai mai pubblicato in francese?

Scrivo il 99% delle volte in inglese. È stato pubblicato sulla rivista francese galassie Due o tre anni fa, in The Flying Migrant, una commedia sulla recente migrazione in Francia, ho lavorato per un po’ per l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni. E molti anni fa, ragazza goy Inserito da Edilivres. Collaboro anche con Alain Ducharme nella storia Repubblica Centauro.

Ho alcune piccole cose in cantiere, ma tendo a non concentrarmi sul francese. L’inglese è la mia lingua madre, la scena francofona non è delle più attraenti, poche riviste o antologie pagano gli autori, i testi sono poco visti, ecc. sono giusto Omenana, quindi non presenterò nemmeno lì le mie creazioni. Come dice Amonbophis in La missione di Cleopatra: “Non c’è palazzo… non c’è palazzo!”

Senza una scena letteraria abbordabile ci sarebbero pochissimi autori. Ma nonostante i suoi difetti, c’è una scena francofona, un cerchio, anche se piccolo. In Africa niente. Speriamo di poterlo curare un po’.

Come vede il futuro della letteratura di narrativa africana?

Sono sicuro. Il talento c’è, ma andiamo sempre oltre lavorando sulla nostra arte piuttosto che concentrarci solo sulla prima. Speriamo che gli autori che ci inviano le loro storie continuino a scrivere, a sviluppare il loro stile, a sviluppare la loro immaginazione e, allo stesso modo, abbiamo.

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *