Rilevamento di casi di lebbra negli scimpanzé

Casi di lebbra sono stati confermati tra due gruppi indipendenti di scimpanzé in Africa occidentale, in Guinea-Bissau e in Costa d’Avorio, secondo le immagini pubblicate da un team di ricercatori.

Sebbene le origini dell’infezione non siano chiare, gli scienziati del Centro per l’ambiente e la conservazione dell’Università di Exeter (Inghilterra) affermano che la malattia potrebbe diffondersi ulteriormente nella fauna selvatica di quanto si pensasse in precedenza.

Hanno aggiunto che ciò potrebbe essere dovuto a “l’esposizione agli esseri umani o ad altre fonti ambientali sconosciute”.

Gli esseri umani sono l’ospite principale per il batterio Mycobacterium leprae, che causa la lebbra, ma c’è un “diluvio” per altri mammiferi. È stato controllato nell’uomo con antibiotici dagli anni ’80.

vera sfida

I ricercatori una volta credevano che la lebbra fosse stata sradicata nel regno animale. Ma negli ultimi due decenni, gli scienziati hanno scoperto che è comune tra gli scoiattoli rossi nel Regno Unito e gli armadilli nelle Americhe. E ora per gli scimpanzé selvatici.

La lebbra è una malattia contagiosa che colpisce la pelle e i nervi e, se non trattata, può portare a deturpazioni e cecità.

La prevalenza della lebbra negli esseri umani dipende dall’accesso alle cure, ma nessuno scimpanzé in natura ne ha ricevuto.

In effetti, la lebbra è facilmente curabile negli esseri umani, ma somministrare antibiotici a insoliti scimpanzé selvatici sarebbe una vera sfida.

Sebbene lo studio sia il primo a segnalare la malattia negli scimpanzé selvatici, ci sono stati casi negli scimpanzé, hanno detto i ricercatori.

READ  Christian Clot, volontario scientifico

You May Also Like

About the Author: Malvolia Gallo

"Appassionato di alcol. Piantagrane. Introverso. Studente. Amante dei social media. Ninja del web. Fan del bacon. Lettore."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *